Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2132 del 29/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 29/01/2018, (ud. 18/10/2017, dep.29/01/2018),  n. 2132

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che, con sentenza depositata il 20.6.2011, la Corte d’appello di Roma ha confermato la statuizione di primo grado che aveva rigettato l’opposizione proposta da T.D., in proprio e n.q. di legale rapp.te di Poligoni d’Arte di T.D. & C. s.a.s., avverso la cartella esattoriale con cui gli era stato ingiunto di pagare somme per contributi omessi in danno di lavoratori ritenuti suoi dipendenti per violazione della L. n. 1360 del 1960, art. 1;

che avverso tale pronuncia T.D., in proprio e nella spiegata qualità, ha proposto ricorso per cassazione, deducendo due motivi di censura;

che l’INPS, anche quale di procuratore di S.C.C.I. s.p.a., ha resistito con controricorso;

che la società concessionaria dei servizi di riscossione non ha svolto in questa sede attività difensiva.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che, con il primo motivo, il ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione della L. n. 2248 del 1865, art. 5, all. E, del D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24, e degli artt. 24e 97 Cost., per avere la Corte di merito ritenuto che l’accertamento d’ufficio relativo alla sussistenza dell’intermediazione della manodopera formalmente facente capo a 3D Elettronica s.c.r.l. non dovesse essere disapplicato in sede giurisdizionale siccome condotto dall’INPS e dalla Direzione Provinciale del Lavoro di Rieti in violazione della L. n. 689 del 1981, art. 18,;

che, con il secondo motivo, il ricorrente lamenta insufficiente e contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per avere la Corte territoriale ritenuto la sussistenza dell’intermediazione in relazione al ruolo direttivo che i testi escussi avevano attribuito a M.M., dipendente di Poligoni d’Arte di T.D. & C. s.a.s., che in realtà si limitava ad esercitare i controlli sull’appalto ex artt. 1662 e 1665 c.c.;

che, con riguardo al primo motivo, questa Corte ha già da tempo consolidato il principio secondo cui il particolare procedimento previsto dalla L. n. 689 del 1981per l’irrogazione delle sanzioni amministrative e, in specie, i requisiti di legittimità ed efficacia del relativo provvedimento, con riguardo specialmente al dovere di preventiva audizione dell’interessato, non si estendono alla richiesta di adempimento delle obbligazioni previdenziali (cfr. Cass. n. 9863 del 2004, il cui dictum è stato ribadito da Cass. nn. 20309 del 2008, 14907 del 2012 e, da ult., da Cass. n. 19093 del 2017);

che il secondo motivo appare prima facie inammissibile per difetto di specificità, dal momento che, avendo la Corte di merito reputato nuova, prima ancora che infondata, la prospettazione secondo cui M.M. si sarebbe in realtà limitata ad esercitare i controlli sull’appalto ex artt. 1662 e 1665 c.c. (cfr. sentenza impugnata, pag. 6), era onere di parte ricorrente, al fine di poter validamente sostenere in questa sede che trattavasi in realtà di “mera argomentazione difensiva” (cfr. ricorso per cassazione, pag. 14), illustrare in che modo essa era stata illustrata nell’atto introduttivo del giudizio e reiterata nell’atto di appello, ciò che viceversa non è stato fatto;

che il ricorso, conclusivamente, va rigettato, provvedendosi come da dispositivo sulle spese del giudizio di legittimità, giusta il criterio della soccombenza.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna parte ricorrente alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità, che si liquidano in Euro 6.700,00, di cui Euro 6.500,00 per compensi, oltre spese generali in misura pari al 15% e accessori di legge.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza Camerale, il 18 ottobre 2017.

Depositato in Cancelleria il 29 gennaio 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA