Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21317 del 12/08/2019

Cassazione civile sez. III, 12/08/2019, (ud. 13/06/2019, dep. 12/08/2019), n.21317

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ARMANO Uliana – Presidente –

Dott. DI FLORIO Antonella – Consigliere –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. VALLE Cristiano – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 24991/2017 proposto da:

Colombo Finanziaria Spa, elettivamente domiciliato in Roma Via G P Da

Palestrina 19 presso lo studio dell’AVVOCATO STEFANO AMBROSINI che

lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

Heta Asset Resolution Italia S.r.l., in persona del legale

rappresentante in carica, elettivamente domiciliato in Roma Piazzale

Delle Medaglie D’oro, 20 presso lo studio dell’avvocato GIANLUCA

MORIANI che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato

ANTONELLA LILLO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1500/2017 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 13/07/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

13/06/2019 da VALLE CRISTIANO, osserva:

Fatto

FATTI DI CAUSA

La soluzione delle questioni di diritto prospettate con il ricorso implica la risoluzione delle questioni di riproposizione delle domande di cui all’art. 346 c.p.c..

La sentenza della Corte di Appello di Venezia ha, infatti, applicato gli artt. 342 e 346 c.p.c. citando a sostegno della propria tesi Cass. n. 02855 del 2016 che, tuttavia, era stata segnalata come in contrasto con la precedente giurisprudenza di questa Corte fino al 2014.

E’, pertanto, opportuna la rimessione della causa alla pubblica udienza.

P.Q.M.

Rimette la causa alla pubblica udienza.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile della Corte di Cassazione, il 13 giugno 2018.

Depositato in Cancelleria il 12 agosto 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA