Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21210 del 13/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. I, 13/09/2017, (ud. 24/05/2017, dep.13/09/2017),  n. 21210

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TIRELLI Francesco – Presidente –

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere –

Dott. SAMBITO Maria G.C. – Consigliere –

Dott. VALITUTTI Antonio – Consigliere –

Dott. MUCCI Roberto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso n. 12970/2012 proposto da:

Assessorato Lavoro, Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed

Emigrazione della Regione siciliana, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in Roma, via

dei Portoghesi n. 12, presso l’Avvocatura Generale dello Stato che

la rappresenta e difende ope legis;

– ricorrente –

contro

V.C., elettivamente domiciliata in Roma, viale Carso n. 23,

presso lo studio dell’avvocato Salerni Arturo, rappresentata e

difesa, anche disgiuntamente, dagli avvocati Tuttolomondo Fulvio e

Lo Voi Fernando giusta procura in calce al controricorso e ricorso

incidentale;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

e contro

Assessorato Lavoro, Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed

Emigrazione della Regione siciliana, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in Roma, via

dei Portoghesi n. 12, presso l’Avvocatura Generale dello Stato che

la rappresenta e difende ope legis;

– controricorrente al ricorso incidentale –

avverso la sentenza n. 2374/2011 del Tribunale di Palermo, depositata

il 16 maggio 2011;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

24 maggio 2017 dal cons. MUCCI ROBERTO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

V.C. ingiungeva all’Assessorato Lavoro, Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione della Regione siciliana il pagamento dell’indennità di frequenza di un corso di formazione professionale tenuto dal Centro regionale siciliano radio e telecomunicazioni.

L’opposizione dell’Assessorato regionale, fondata sul difetto di legittimazione passiva, veniva rigettata dal Giudice di pace di Palermo.

Interposto appello dall’Assessorato regionale, il Tribunale di Palermo lo rigettava ritenendo sussistente un rapporto di garanzia tra l’Assessorato e il predetto ente per i debiti contratti da quest’ultimo, incaricato dall’Assessorato medesimo di svolgere l’attività di formazione ai sensi della L.R. 6 marzo 1976, n. 24.

Avverso detta sentenza propone ricorso per cassazione l’Assessorato regionale affidato ad un unico motivo, cui replica V.C. con controricorso e ricorso incidentale affidato anch’esso ad un unico motivo; l’Assessorato replica al ricorso incidentale con controricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Va esaminata, per priorità logico-giuridica, la questione della tardività del ricorso principale, sollevata in linea preliminare dalla controricorrente.

La questione è fondata. La sentenza impugnata è stata infatti notificata dall’appellata V. all’Assessorato regionale presso l’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Palermo il 16 novembre 2011. Tale notificazione, effettuata presso l’ufficio dell’Avvocatura dello Stato nel cui distretto ha sede l’autorità giudiziaria che ha pronunciato la sentenza – ai sensi del R.D. 30 ottobre 1933, n. 1611, art. 11, comma 2 -, è idonea a far decorrere il termine breve di sessanta giorni, di cui all’art. 325 c.p.c., comma 2, per proporre impugnazione (Sez. L, 31 maggio 2017, n. 13825; Sez. 3, 2 febbraio 2001, n. 1513). Il ricorso principale, notificato dall’Assessorato regionale il 16 maggio 2012, è pertanto inammissibile.

Dall’inammissibilità del ricorso principale consegue l’inefficacia del ricorso incidentale ex art. 334 c.p.c., comma 2.

Le spese del giudizio, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza, riferibile alla parte ricorrente in via principale (Sez. 3, 20 febbraio 2014, n. 4074).

PQM

 

dichiara il ricorso principale inammissibile e inefficace quello incidentale; condanna l’Assessorato Lavoro, Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione della Regione siciliana alla rifusione delle spese del giudizio che liquida in complessivi Euro 1.600,00, di cui Euro 200,00 per esborsi.

Così deciso in Roma, il 24 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 13 settembre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA