Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21155 del 07/08/2019

Cassazione civile sez. lav., 07/08/2019, (ud. 21/05/2019, dep. 07/08/2019), n.21155

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRONZINI Giuseppe – Presidente –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. DE GREGORIO Federico – Consigliere –

Dott. BLASUTTO Daniela – Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 752-2017 proposto da:

D.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE G.

MAZZINI 123, presso lo studio dell’avvocato BENEDETTO SPINOSA, che

lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

RAI RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A., in persona del legale

rappresentante pro tempore elettivamente domiciliata in ROMA, CORSO

VITTORIO EMANUELE II 326, presso lo studio dell’avvocato CLAUDIO

SCOGNAMIGLIO, che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 3579/2016 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 23/06/2016 R.G.N. 1841/2014.

Fatto

RILEVATO

che, con sentenza depositata il 23.6.2016, la Corte di Appello di Roma ha respinto sia il gravame interposto dalla RAI-Radiotelevisione S.p.A. che quello interposto da D.G., con ricorsi depositati entrambi in data 7.5.2014, avverso la pronunzia del Tribunale della stessa sede, resa il 7.11.2013, con la quale, in parziale accoglimento della domanda del dipendente, era stato accertato e dichiarato il diritto di quest’ultimo ad essere inquadrato nel superiore livello III del CCL RAI S.p.A. a decorrere dal maggio 2009, con condanna della società al pagamento delle differenze retributive, oltre accessori di legge; che, per la cassazione della sentenza, ha proposto ricorso D.G. articolando due motivi;

che la RAI S.p.A. ha resistito con controricorso ed ha depositato memoria;

che il P.G. non ha formulato richieste.

Diritto

CONSIDERATO

che, preliminarmente, deve rilevarsi che la società controricorrente ha provveduto a depositare, presso la cancelleria della Sezione lavoro di questa Corte, copia del verbale di conciliazione sottoscritto, in data 31.5.2017, dinanzi al Tribunale di Roma, Sezione lavoro, dal D., dal procuratore speciale della società e dai rispettivi difensori, regolarmente notificato ai sensi dell’art. 372 codice di rito;

che, nella memoria, alla quale è allegato il predetto accordo transattivo, si richiede che venga dichiarata la cessazione della materia del contendere, con compensazione delle spese, avendo le parti convenuto, dinanzi al Tribunale di Roma, la rinunzia a tutto il contenzioso formatosi tra le stesse;

che, avuto riguardo all’accordo transattivo raggiunto dalle parti in ordine ai fatti per cui è causa – ed alla conseguente richiesta della società datrice di lavoro -, debba ritenersi che le stesse non abbiano più interesse a proseguire il processo;

che, va, pertanto, dichiarata la cessazione della materia del contendere;

che, in considerazione dell’accordo transattivo raggiunto, le spese del presente giudizio sono interamente da compensare tra le parti, come, peraltro, da queste ultime stabilito.

P.Q.M.

La Corte dichiara la cessazione della materia del contendere. Spese compensate.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza camerale, il 21 maggio 2019.

Depositato in Cancelleria il 7 agosto 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA