Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21153 del 13/10/2011

Cassazione civile sez. I, 13/10/2011, (ud. 04/05/2011, dep. 13/10/2011), n.21153

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUCCIOLI Maria Grazia – Presidente –

Dott. FELICETTI Francesco – Consigliere –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

D.D.L.A., elettivamente domiciliata in Roma presso

la Cancelleria della Corte di Cassazione, rappresentata e difesa

dell’avv.to Guarino Salvatore Paolo, giusta procura a margine del

ricorso;

contro

P.G., rappr.ta e difesa dagli avv. Scaringia

Francesco e Antonio Tagliaferro e con quest’ultimo elett.te dom.ta in

Roma presso la Cancelleria della Corte di Cassazione, giusta procura

speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

e

INPDAP, Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti

dall’Amministrazione Pubblica, in persona del legale rappresentante

pro tempore;

– intimato –

avverso la sentenza della Corte di Appello di Napoli, sezione persona

e famiglia, emessa il 9 ottobre 2009, depositata il 12 novembre 2009,

R.G. n. 1007/2009;

udita la relazione della causa svolta all’udienza del 4 maggio 2011

dal Consigliere Dott. Giacinto Bisogni;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Libertino Alberto che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

P.G. agisce per ottenere il riconoscimento del suo diritto a percepire 27/44 della pensione di reversibilità dell’ex marito C.A., sposato in seconde nozze con D.D. L.A. nel (OMISSIS);

La domanda è stata contestata dalla D.D. mentre l’INPDAP ha chiesto dichiararsi nei suoi confronti il difetto di legittimazione;

Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha accolto parzialmente la domanda determinando rispettivamente nella misura del 35% e 65% le quote di spettanza della P. e della D.D.;

La Corte di appello di Napoli ha respinto l’impugnazione proposta dalla D.D.;

Ricorre per cassazione la D.D. affidandosi a tre motivi di impugnazione: a) violazione della L. n. 898 del 1970, art. 9 e della L. n. 263 del 2005, art. 5; b) violazione dell’art. 2697 cod. civ.;

c) violazione della L. n. 898 del 1970, art. 5; Si difende con controricorso la D.D.;

La Corte, riunita in camera di consiglio, ha deliberato di adottare una motivazione semplificata.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

che:

il ricorso è infondato in quanto: 1) 1’interpretazione autentica delle disposizioni della L. n. 898 del 1970 (art. 9, commi 2 e 3), effettuata dalla L. 28 dicembre 2005, n. 263, art. 5 conduce a ritenere che il legislatore ha voluto escludere dalla accessibilità alla pensione di reversibilità le ipotesi in cui il coniuge divorziato non godeva di un assegno divorzile giudizialmente riconosciuto e tale situazione non può considerarsi quella della P. come correttamente ha rilevato la Corte di appello di Napoli. Infatti la Corte territoriale, pur stigmatizzando la locuzione “integra la sentenza di divorzio”, usata nel provvedimento “integrativo” del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere datato 26 maggio 1994, ha sostanzialmente inteso tale provvedimento quale provvedimento di revisione delle condizioni economiche del divorzio, in quanto tale idoneo a legittimare l’attribuzione della quota di pensione; 2) la P. ha dichiarato di non aver contratto nuove nozze dopo il divorzio e ciò ha dimostrato con la produzione dell’estratto del registro degli atti di matrimonio. Nessuna prova contraria è stata fornita dalla controparte; 3) la determinazione della proporzione con cui deve essere attribuita alla P. e alla D.D. la pensione di reversibilità, pronunciata in primo grado e confermata in appello, rispetta i criteri indicati dalla Corte costituzionale (sentenza n. 491/2000) e dalla giurisprudenza di legittimità (cfr., fra le altre, Cass. civ. 282/2001, 3037/2001, 2471/2003, 4867/2006, 10669/2007), secondo cui la ripartizione della pensione di reversibilità tra il coniuge superstite e l’ex coniuge deve essere disposta tenendo conto della durata dei rispettivi rapporti matrimoniali, ma anche di ulteriori fattori rilevanti quali nella specie la durata della convivenza fra il C. e la D.D.;

ritenuto che la particolarità del caso in esame in relazione specificamente al primo e al terzo motivo di ricorso giustifica la integrale compensazione fra le parti delle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e compensa le spese del giudizio di cassazione. Dispone che in caso di diffusione del presente provvedimento siano omesse le generalità e gli altri dati identificativi, a norma del D.Lgs. n. 196 del 2003, art. 52.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 4 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 13 ottobre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA