Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21134 del 02/10/2020

Cassazione civile sez. II, 02/10/2020, (ud. 06/02/2020, dep. 02/10/2020), n.21134

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice – Presidente –

Dott. ORICCHIO Antonio – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – rel. Consigliere –

Dott. GIANNACCARI Rossana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19672/2019 proposto da:

A.O.J., elettivamente domiciliato in Roma, Piazza Don G.

Minzoni, 9, presso lo studio dell’avvocato Riccardo Luponio, che lo

rappresenta e difende;

– ricorrente –

e contro

MINISTERO DELL’INTERNO, (OMISSIS); in persona del Ministro pro

tempore, rapp.to e difeso ope legis, dall’Avvocatura dello Stato,

domiciliata presso Via dei Portoghesi 12, Roma;

– controricorrente –

avverso l’ordinanza del Tribunale di Reggio Calabria, depositata il

28/05/2019;

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

06/02/2020 dal Consigliere Dott. Annamaria Casadonte.

 

Fatto

RILEVATO

che:

– il presente giudizio trae origine dal ricorso avverso l’ordinanza del Tribunale di Reggio Calabria che ha definito il procedimento ai sensi degli artt. 702 bis e 702 ter c.p.c., instaurato da A.O.J., cittadino (OMISSIS), a seguito della pronuncia di inammissibilità della reiterata istanza di riconoscimento della protezione internazionale emesso dalla Commissione Territoriale di Crotone in data 2/3/2017;

– il Tribunale di Reggio Calabria ha respinto la domanda di riconoscimento dello status di rifugiato, quella di protezione sussidiaria così come quella di riconoscimento della protezione umanitaria articolata dal richiedente;

– la cassazione dell’ordinanza del tribunale reggino è chiesta sulla base di quattro motivi, cui resiste con controricorso l’intimato Ministero dell’interno.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– con il primo motivo si deduce l’omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione su un punto decisivo della controversia con riguardo alla sussistenza di allegati atti persecutori familiari;

– con il secondo motivo si denuncia la violazione ed errata applicazione delle norme sul riconoscimento della protezione internazionale con particolare riferimento a quella prevista dal D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 32, comma 3;

– con il terzo motivo si denuncia la violazione ed errata applicazione delle norme sul riconoscimento della protezione sussidiaria (D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14);

– con il quarto motivo si denuncia, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 4, la violazione del D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 32, comma 3 e art. 5, comma 6, con riferimento al mancato riconoscimento della protezione umanitaria;

– tanto premesso, il ricorso in esame va preliminarmente dichiarato inammissibile;

– l’ordinanza qui impugnata è stata emessa il 2/3/2017 e notificata il 15/3/2017 all’esito del procedimento ex artt. 702 bis e ter c.p.c., proposto con ricorso depositato il 12/4/2017;

– dal punto di vista processuale l’impugnazione dell’ordinanza di rigetto è soggetta, ratione temporis, alla disciplina del D.Lgs. n. 150 del 2011, art. 19, comma 9 – l’art. 19 cit. è stato abrogato dal D.L. n. 13 del 2017, conv. con mod. con L. n. 46 del 2017 – che in caso di rigetto prevedeva la facoltà di impugnazione dell’ordinanza alla Corte d’appello con decisione entro sei mesi, e nel caso di rigetto da parte di quest’ultima l’impugnazione del provvedimento davanti alla Corte di cassazione;

– pertanto, in ossequio a tale normativa, l’ordinanza di rigetto avrebbe dovuto essere impugnata avanti alla Corte d’appello di Reggio Calabria e non in Corte di cassazione, sicchè il ricorso in esame va dichiarato inammissibile;

– atteso l’esito sfavorevole dell’impugnazione e in applicazione del principio di soccombenza, parte ricorrente va condannata alla rifusione delle spese di lite a favore di parte controricorrente nella misura liquidata in dispositivo;

– ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, si dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso; condanna il ricorrente alla rifusione delle spese di lite a favore del controricorrente e liquidate in Euro 2100,00 per compensi oltre spese prenotate e prenotande a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile, il 6 febbraio 2020.

Depositato in Cancelleria il 2 ottobre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA