Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21128 del 13/10/2011

Cassazione civile sez. trib., 13/10/2011, (ud. 07/07/2011, dep. 13/10/2011), n.21128

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BOGNANNI Salvatore – Presidente –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

Dott. SAMBITO Giovanna Concetta – rel. Consigliere –

Dott. BOTTA Raffaele – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

C.C., + ALTRI OMESSI

elettivamente domiciliati in ROMA VIA ANTONIO SOGLIANO 70, presso lo

studio dell’avvocato AMETRANO GIUSEPPE, che li rappresenta, e difende

unitamente all’avvocato BERETTA EMILIO BATTISTA, giusta delega in

calce;

– ricorrenti –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E FINANZE in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende ope legis;

– resistente con atto di costituzione –

avverso la sentenza n. 211/2004 della COMM. TRIB. REG. SEZ. DIST. di

CATANZARO, depositata il 18/01/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

07/07/2011 dal Consigliere Dott. MARIA GIOVANNA C. SAMBITO;

udito per il ricorrente l’Avvocato BERETTA, che ha chiesto

l’accoglimento e deposita nota spese piùconclusioni;

udito per il resistente l’Avvocato ALBENZIO, che ha chiesto il

rigetto;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

LETTIERI Nicola, che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La CTR della Calabria, con sentenza n. 211/10/04, depositata il 18.1.05, ha dichiarato estinto il giudizio d’appello, proposto da C.F., rilevando che il processo, interrotto per il decesso di detto contribuente, non era stato riassunto, dopo il decorso di cinque anni.

Per la cassazione di tale sentenza, hanno proposto ricorso C. S.M. e gli altri eredi del contribuente indicati in epigrafe. L’Agenzia delle Entrate non ha depositato controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Va, anzitutto, dichiarata l’inammissibilità della documentazione depositata dai ricorrenti in questo grado. A norma dell’art. 372 c.p.c., nel giudizio di cassazione non è ammesso il deposito di atti e documenti non prodotti nei precedenti gradi, a meno che non riguardino l’ammissibilità del ricorso (e tra di essi quelli attestanti la formazione del giudicato esterno, in epoca successiva alla sentenza impugnata, cfr. Cass. SU n. 1391(5 del 2006) o del controricorso, ovvero eventuali nullità inficianti direttamente la sentenza impugnata, ipotesi qui non ricorrenti, essendo state versate in atti tre sentenze, non ancora irrevocabili, rese in controversie tra altre parti.

Con l’unico motivo del ricorso, gli eredi C. lamentano la violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 31 in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, per avere la CTR dichiarato estinto il processo, senza notificare l’avviso di trattazione dell’udienza e senza consentir loro l’esercizio del diritto di difesa. In particolare, i ricorrenti affermano che la decisione è nulla, in conseguenza della “mancata notizia alle parti sia della avvenuta interruzione del processo che della fissazione dell’udienza per la sua prosecuzione”.

Il ricorso è infondato. Risulta dall’impugnata sentenza che “all’udienza del 14.5.1998 veniva dichiarata l’interruzione del processo perchè il contribuente appellante era deceduto”. Consta, inoltre, che la declaratoria d’estinzione del processo è stata emessa, d’ufficio, sul rilievo che nessuna parte si era attivata per la sua ripresa, nonostante fossero decorsi più di cinque anni dalla data dell’interruzione. Alla stregua di tali dati, che non risultano censurati dai ricorrenti (il fatto riportato a pag. 2 delle premesse del ricorso, secondo cui l’interruzione sarebbe stata dichiarata “con ordinanza in data 18 ottobre 1998, n. 18/10/98, depositata il 14 maggio 1998” va ascritto a mero “error calami”, non essendo possibile che l’ordinanza sia stata depositata prima della sua stessa emissione), il provvedimento d’interruzione non doveva esser comunicato agli eredi, essendo stato emesso in udienza, e perciò legalmente noto, a seguito della dichiarazione del difensore della parte colpita dall’evento, D.Lgs. n. 546 del 1992, ex art. 40, comma 2, alla quale sono subentrati proprio, gli odierni ricorrenti.

L’invocato D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 31 non è poi, pertinente:

l’estinzione è stata dichiarata in espressa applicazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 45, comma 3, che ne consente, appunto, la pronuncia “ex officio” nel caso in cui non vengano rispettati i termini perentori entro i quali il giudizio deve esser proseguito, integrato o riassunto. Per l’emissione di tale declaratoria non è, poi, necessaria la comunicazione della data di trattazione della controversia (che è, invece, prevista per l’ipotesi, inversa, di ripresa del processo interrotto, dal D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 43, commi 2 e 3, che richiama i precedenti artt. 30 e 31) proprio perchè l’estinzione costituisce la reazione dell’ordinamento al protrarsi del comportamento inerte delle parti, e mira allo scopo di attuare il principio della ragionevole durata del processo, di cui all’art. 111 Cost., comma 2. La circostanza che, a norma del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 45, comma 4, l’estinzione debba esser pronunciata con sentenza, se, come nella specie, dichiarata dalla commissione, comporta che le censure circa l’erroneità della relativa declaratoria debbano esser devolute al giudice dell’impugnazione, restando, per tale via, anche, assicurato il diritto di difesa delle parti.

Il ricorso va dunque rigettato. Le spese del presente giudizio di legittimità vanno poste a carico dei ricorrenti ed in favore dell’Agenzia, che ha partecipato alla discussione orale, e si liquidano in Euro 6.000,00, oltre a spese prenotate a debito.

P.Q.M.

La Corte, rigetta il ricorso e condanna i ricorrenti a pagare all’intimata le spese del presente giudizio di legittimità, liquidate in Euro 6.000,00, oltre a spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 7 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 13 ottobre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA