Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21081 del 07/08/2019

Cassazione civile sez. trib., 07/08/2019, (ud. 27/03/2019, dep. 07/08/2019), n.21081

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Presidente –

Dott. CATALLOZZI Paolo – rel. Consigliere –

Dott. TRISCARI Giancarlo – rel. Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – Consigliere –

Dott. CHIESI Gian Andrea – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 25989/2015 R.G. proposto da:

A.M., rappresentato e difeso dagli avv. Francesco Bile e

Vincenzo Metafora, con domicilio eletto presso lo studio dell’avv.

Gian Emilio Iacobelli, sito in Roma, via Panama, 74;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, in persona del Direttore pro

tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello

Stato, presso la quale è domiciliata in Roma, via dei Portoghesi,

12;

– resistente –

avverso la sentenza della Corte di appello di Roma, n. 708/15,

depositata il 30 gennaio 2015.

Udita la relazione svolta nella pubblica udienza del 27 marzo 2019

dal Consigliere Paolo Catallozzi;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore

generale Ettore Pedicini, che ha concluso per la dichiarazione di

estinzione del giudizio;

udito l’avv. Giulio Bacosi, per la controricorrente.

Fatto

RILEVATO

che:

– A.M. propone ricorso per cassazione avverso la sentenza della Corte di appello di Roma, depositata il 30 gennaio 2015, reiettiva dell’appello principale dal medesimo proposto e di declaratoria di inammissibilità dell’appello incidentale proposto dall’agenzia delle dogane e dei Monopoli avverso la sentenza di primo grado che aveva respinto le – riunite – opposizioni a due cartelle di pagamento notificate al predetto A., quale legale rappresentante della Molini e Pastifici di Lucera s.r.l. che in solido con essa, a titolo di ripetizione di restituzione all’esportazione indebitamente percepiti dalla società, nonchè di sanzione amministrativa;

– la sentenza impugnata dà atto che il tribunale adito in primo grado aveva individuato nelle opposizioni proposte sia delle opposizioni ai sensi della L. n. 689 del 1981, ex art. 22, in ordine alle quali aveva dichiarato la propria incompetenza territoriale, sia delle opposizioni all’esecuzione ex art. 615 c.p.c., che aveva rigettato sia, infine, delle opposizioni agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c., che aveva dichiarato inammissibile;

– il giudice di appello ha confermato la sentenza del tribunale ritenendo che non sussistessero i vizi posti dall’appellante principale a fondamento del gravame interposto;

– il ricorso è affidato a quattro motivi;

– resiste con controricorso l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

– con nota del 2 novembre 2018 il ricorrente chiede dichiararsi l’estinzione del giudizio a seguito di rinuncia agli atti, allegata alla stessa e sottoscritta, per accettazione anche al difensore della controricorrente

Diritto

CONSIDERATO

che:

– stante la ritualità della rinuncia se ne deve prendere atto e dichiarare l’estinzione del giudizio;

– tale dichiarazione è assunta con la forma dell’ordinanza, ai sensi dell’art. 391 c.p.c., comma 1, come sostituito dal D.L. 31 agosto 2016, n. 168, art. 1 – bis, comma 1, lett. i), conv., con modif., dalla L. 25 ottobre 2016, n. 197, secondo cui la decisione della Corte di cassazione sull’estinzione per rinuncia intervenuta dopo la comunicazione della data della decisione, deve essere assunta, all’esito di quest’ultima, con tale forma, ove, come nel caso in esame, la Corte non debba decidere su altri ricorsi contro lo stesso provvedimento (così, Cass., sez. un., ord., 8 agosto 2017, n. 19169);

– le spese del giudizio di legittimità rimangono a carico della parte che le ha anticipate.

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio di legittimità; pone le spese del giudizio di legittimità a carico della parte che le ha anticipate.

Così deciso in Roma, il 27 marzo 2019.

Depositato in Cancelleria il 7 agosto 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA