Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21076 del 07/08/2019

Cassazione civile sez. trib., 07/08/2019, (ud. 14/06/2019, dep. 07/08/2019), n.21076

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. NAPOLITANO Lucio – rel. Consigliere –

Dott. CATALDI Michele – Consigliere –

Dott. CONDELLO Pasqualina A.P. – Consigliere –

Dott. FRAULINI Paolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 15783-2015 proposto da:

F.M., P.G., elettivamente domiciliati in ROMA

VIA DELLA DORA 2, presso lo studio dell’avvocato FRANCESCO SAVERIO

MARTORANO, rappresentati e difesi dall’avvocato BIAGIO MOLITIERNO

giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE DI (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende;

– controricorrente –

e contro

AGENZIA DELLE ENTRATE DI (OMISSIS);

– intimata –

avverso la sentenza n. 10795/2014 della COMM. TRIB. REG. di NAPOLI,

depositata il 11/12/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

14/06/2019 dal Consigliere Dott. LUCIO NAPOLITANO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

KATE TASSONE che ha concluso per l’estinzione del giudizio per

cessata materia del contendere.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con sentenza n. 10795/8/14, depositata l’11 dicembre 2014, non notificata, la CTR della Campania accolse l’appello proposto dall’Agenzia delle Entrate nei confronti dei signori F.M. e P.G. avverso la sentenza della CTP di Caserta, che aveva accolto i ricorsi, separatamente proposti dai contribuenti e di seguito riuniti, avverso gli avvisi di accertamento a ciascuno notificati per IRPEF per l’anno d’imposta 2006, con i quali era ripresa a tassazione una plusvalenza non dichiarata di Euro 175.000,00 derivante dalla cessione di terreno edificabile sito nel Comune di (OMISSIS). Avverso la sentenza della CTR i ricorrenti hanno proposto ricorso per cassazione affidato a motivo formalmente unico, nel quale risulta cumulato un duplice ordine di censure.

L’Agenzia delle Entrate resiste con controricorso.

I ricorrenti hanno altresì depositato memoria, con allegata documentazione comprovante l’intervenuta definizione agevolata della lite secondo il disposto del D.L. 24 aprile 2017, n. 50, art. 11, convertito, con modificazioni, nella L. 21 giugno 2017, n. 96, con l’avvenuto versamento della somma di Euro 21.759,30 per il F. e di Euro 22.104,04 per la P..

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Va dichiarata l’estinzione del giudizio per cessata materia del contendere, avendo l’ricorrenti comprovato, con la documentazione allegata alla memoria depositata in atti, il perfezionamento della definizione agevolata della lite ai sensi del D.L. 24 aprile 2017, n. 50, art. 11, comma 10, convertito, con modificazioni, nella L. 21 giugno 2017, n. 96, avendo presentato la relativa domanda nei termini ed avendo effettuato, come da ricevute di versamento allegate, il pagamento di quanto rispettivamente dovuto e risultando altresì allegata l’attestazione da parte dell’Amministrazione finanziaria di regolarità dell’avvenuta definizione agevolata della lite.

2. Nulla va statuito in ordine alle spese, atteso che il contenuto della definizione agevolata assorbe il costo del processo pendente (cfr. Cass. sez. 6, ord. 3 ottobre 2018, n. 24083).

3. Non ricorrono i presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell’ulteriore importo di cui all’art. 13, comma 1 – quater, a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, stante la definizione agevolata della controversia (cfr. Cass. sez. 6-5, ord. 7 giugno 2018, n. 14872).

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio e cessata la materia del contendere per il verificarsi della fattispecie di cui al D.L. n. 50 del 2017, art. 11, comma 10, come convertito nella L. n. 96 del 2017.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 14 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 7 agosto 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA