Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21031 del 12/10/2011

Cassazione civile sez. VI, 12/10/2011, (ud. 14/07/2011, dep. 12/10/2011), n.21031

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROVELLI Luigi Antonio – Presidente –

Dott. FELICETTI Francesco – Consigliere –

Dott. SALVAGO Salvatore – rel. Consigliere –

Dott. CECCHERINI Aldo – Consigliere –

Dott. FORTE Fabrizio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 20060-2010 proposto da:

IMPREPAR – IMPREGILO PARTECIPAZIONI SPA IN LIQUIDAZIONE (OMISSIS)

in persona del Liquidatore e legale rappresentante pro tempore – in

proprio e nella qualità di capogruppo e mandataria dell’Associazione

Temporanea di Imprese costituita tra la medesima e le mandanti ICLA

SpA COMIL SpA e STUDI PROGETTI COSTRUZIONI SpA, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA DEGLI SCIPIONI 288, presso lo studio

dell’avvocato GIUFFRE’ GIUSEPPE, che la rappresenta e difende, giusta

procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI TAORMINA (ME) (OMISSIS) in persona del Sindaco pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, LUNGOTEVERE MELLINI 24,

presso lo studio dell’avvocato GIACOBBE GIOVANNI, che lo rappresenta

e difende unitamente agli avvocati MUNAFO’ FRANCESCO, SCUDERI ANCREA,

giusta Delib. Giunta Municipale 1 ottobre 2010, n. 128 e giusta

procura speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

e contro

IMPREGILO SPA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 14574/2010 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

del 28.4.2010, depositata il 16/06/2010;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

14/07/2011 dal Consigliere Relatore Dott. SALVATORE SALVAGO.

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. CARMELO

SGROI.

La Corte:

Fatto

PREMESSO IN FATTO

1. E’ stata depositata in cancelleria il 23 febbraio 2011 relazione, in applicazione dell’art. 380-bis cod. proc. civ., con la quale ha dato atto che la Corte di Cassazione con sentenza 16 giugno 2010 n. 14574 decidendo il ricorso proposto dal comune di Taormina contro la sentenza 4 agosto 2003 della Corte di appello di Messina, ne ha accolto alcuni motivi, ha disposto la cassazione della decisione di appello ed ha disposto il rinvio del processo alla Corte di appello di Messina in diversa composizione.

2^. Nel dispositivo, invece, per mero errore materiale ha disposto il rinvio alla Corte di appello di Roma in diversa composizione.

3^. Trattandosi all’evidenza di mero errore materiale per le ragioni indicate nella relazione,La Corte deve dunque disporne la correzione sostituendo alla indicazione errata “Corte di appello di Roma” quella esatta “Corte di appello di Messina”.

4^. Nessuna pronuncia va emessa sulle spese processuali.

P.Q.M.

La Corte di Cassazione dispone procedersi alla correzione dell’errore materiale contenuto nel dispositivo della propria sentenza 16 giugno 2010 n. 14574 sostituendo la dizione erronea “Corte di appello di Roma” con quella esatta “Corte di appello di Messina”.

Così deciso in Roma, il 14 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 12 ottobre 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA