Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21020 del 18/10/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. II, 18/10/2016, (ud. 09/06/2016, dep. 18/10/2016), n.21020

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAZZACANE Vincenzo – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. ORILIA Lorenzo – rel. Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 4321/2015 proposto da:

Z.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CELIMONTANA 38,

presso lo studio dell’avvocato BENITO PANARITI, rappresentato e

difeso dall’avvocato MARCO SALBUCCI;

– ricorrente –

contro

ZA.MA., PUBLIGAS VERONA SPA, in persona del legale

rappresentante pro tempore;

– intimati –

avverso l’ordinanza n. 1649/2015 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA, depositata il 28/01/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

09/06/2016 dal Consigliere Dott. LORENZO ORILIA;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CAPASSO Lucio, che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

vista la propria ordinanza emessa in data odierna sul ricorso n. 4321/2015 proposto da Z.M. ex art. 111 Cost., contro l’ordinanza 1649/2015 del 28.1.2015 di questa Corte;

visto l’art. 88 c.p.c..

PQM

Dispone trasmettersi, a cura della Cancelleria, copia degli atti del procedimento camerale n. 4321/2015 (ordinanza impugnata n. 1649/2015 del 28 1 2015, ricorso straordinario, memoria difensiva, relazione ex art. 380 bis c.p.c. e ordinanza emessa in data odierna) al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Venezia per le determinazioni di sua competenza.

Così deciso in Roma, il 9 giugno 2016.

Depositato in Cancelleria il 18 ottobre 2016

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA