Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21020 del 18/10/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. II, 18/10/2016, (ud. 09/06/2016, dep. 18/10/2016), n.21020

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAZZACANE Vincenzo – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. ORILIA Lorenzo – rel. Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 4321/2015 proposto da:

Z.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CELIMONTANA 38,

presso lo studio dell’avvocato BENITO PANARITI, rappresentato e

difeso dall’avvocato MARCO SALBUCCI;

– ricorrente –

contro

ZA.MA., PUBLIGAS VERONA SPA, in persona del legale

rappresentante pro tempore;

– intimati –

avverso l’ordinanza n. 1649/2015 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA, depositata il 28/01/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

09/06/2016 dal Consigliere Dott. LORENZO ORILIA;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CAPASSO Lucio, che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

vista la propria ordinanza emessa in data odierna sul ricorso n. 4321/2015 proposto da Z.M. ex art. 111 Cost., contro l’ordinanza 1649/2015 del 28.1.2015 di questa Corte;

visto l’art. 88 c.p.c..

PQM

Dispone trasmettersi, a cura della Cancelleria, copia degli atti del procedimento camerale n. 4321/2015 (ordinanza impugnata n. 1649/2015 del 28 1 2015, ricorso straordinario, memoria difensiva, relazione ex art. 380 bis c.p.c. e ordinanza emessa in data odierna) al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Venezia per le determinazioni di sua competenza.

Così deciso in Roma, il 9 giugno 2016.

Depositato in Cancelleria il 18 ottobre 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA