Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21013 del 08/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 08/09/2017, (ud. 07/07/2017, dep.08/09/2017),  n. 21013

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19286/2016 proposto da:

FALLIMENTO (OMISSIS) SRL, in persona del suo Curatore, elettivamente

domiciliato in ROMA, PIAZZA DELLA LIBERTA’ 10 (presso l’avvocato

PATERNOSTRO GEMMA), presso lo studio dell’avvocato FRANCESCO

NAPOLETANO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

DIAZ COSTRUZIONI SRL, in persona dell’amministratore unico,

elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA SS APOSTOLI 81 presso lo

studio dell’avvocato MASSIMO FERMANELLI, rappresentata e difesa

dall’avvocato MICHELE MUSCI;

– controricorrenti –

avverso l’ordinanza n. 7685/2016 del TRIBUNALE di TRANI, depositata

il 24/06/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 07/07/2017 dal Consigliere Dott. LOREDANA NAZZICONE.

Fatto

RILEVATO

– che la parte ricorrente ha proposto ricorso, sulla base di un motivo, avverso il provvedimento del Tribunale di Trani del 24 giugno 2016, che ha accolto l’opposizione allo stato passivo proposta dalla Diaz Costruzioni s.r.l., disponendo la restituzione di beni mobili, descritti nel dispositivo;

– che resiste con controricorso l’intimata;

– che è stata ravvisata la sussistenza dei presupposti per la trattazione camerale, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c.;

– che la curatela ha depositato rinuncia al ricorso, con accettazione di controparte.

Diritto

CONSIDERATO

– che il giudizio va dichiarato estinto.

PQM

 

La Corte dichiara il giudizio estinto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 7 luglio 2017.

Depositato in Cancelleria il 8 settembre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA