Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 21002 del 02/10/2020

Cassazione civile sez. VI, 02/10/2020, (ud. 17/09/2020, dep. 02/10/2020), n.21002

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE STEFANO Franco – Presidente –

Dott. POSITANO Gabriele – Consigliere –

Dott. VALLE Cristiano – Consigliere –

Dott. D’ARRIGO Cosimo – Consigliere –

Dott. PELLECCHIA Antonella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7478-2019 proposto da:

S.V., T.A., elettivamente domiciliati in ROMA,

VIALE DELLE PROVINCIE 2, presso lo studio dell’avvocato ALESSANDRO

RUSSO, rappresentati e difesi dagli avvocati DOMENICO SIRIANNI,

PATRIZIO, PASQUALE NIGRO;

– ricorrenti –

contro

INAIL – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

SUL LAVORO, (OMISSIS), in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144, presso la

sede dell’AVVOCATURA dell’Istituto medesimo, rappresentato e difeso

dagli avvocati ANDREA ROSSI, LETIZIA GRIPPA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1578/2018 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO,

depositata il 12/09/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 17/09/2020 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONELLA

PELLECCHIA.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. Nel 2011 l’INAIL convenne in giudizio T.A., S.V. e Fondiaria Sai Assicurazione.

Difatti, in seguito a un sinistro stradale con il veicolo guidato da T.A. e di proprietà di S.V., N.D. subì lesioni personali, cadendo dalla moto. L’INAIL, trattandosi di infortunio sul lavoro, erogò in favore della danneggiata una somma pari a Euro 105.535,96.

Agì dunque in giudizio per ottenere il rimborso di suddetta somma.

Con sentenza n. 898/2014, il Tribunale di Crotone, non ritenendo provata la responsabilità del conducente T.A. nel causare il sinistro, rigettò la domanda attorea.

2. Avverso suddetta sentenza ha proposto appello l’INAIL, chiedendo la riforma della pronuncia di prima cure e l’accertamento della esclusiva responsabilità di T.A. nella causazione dell’incidente, con conseguente condanna dei convenuti al pagamento in solido della somma pagata.

Si costituivano in giudizio UnipolSAi Assicurazioni S.p.a (già Fondiaria Sai), eccependo l’inammissibilità del gravame ex art. 348 bis c.p.c.. Anche T.A. e S.V. si costituivano, eccependo l’inammissibilità dell’appello ex art. 342 c.p.c..

Con sentenza n. 1578/2018, pubblicata il 12/09/2018, la Corte d’appello di Catanzaro ha accolto l’appello, rilevando la responsabilità esclusiva di T.A. nella causazione del sinistro stradale sulla base del verbale degli agenti intervenuti sul luogo dell’incidente. Ha inoltre dichiarato la cessazione della materia del contendere tra l’INAIL e la UNIPOLSAI, prendendo atto di un accordo transattivo intervenuto tra le parti in forza del quale quest’ultima ha versato la somma di Euro 85.000,00 in favore dell’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli infortuni sul lavoro.

3. T.A. e S.V. propongono ricorso per cassazione, sulla base di un unico motivo.

L’INAIL resiste con controricorso, illustrato da memoria.

Diritto

CONSIDERATO

che:

4. In vista dell’adunanza camerale del 17/09/2020 i ricorrenti fanno pervenire una dichiarazione di rinuncia a firma del loro difensore, sul dichiarato presupposto di un’intervenuta transazione.

In difetto di prova sia della notifica della rinuncia alla controparte, che ha anzi depositato memoria in cui insiste per il rigetto del ricorso, sia della predicata transazione, non può pronunciarsi l’estinzione, ma, in conformità ad un consolidato orientamento interpretativo, va rilevata l’inammissibilità del ricorso per sopravvenuta carenza di interesse (da ultimo, v. Cass. 22/05/2019, n. 13923).

Le spese del presente giudizio vanno regolate in base alla soccombenza virtuale: la quale si configura in capo ai ricorrenti, poichè perfino una eventuale omissione dell’esame della sentenza del verbale non avrebbe necessariamente implicato un diverso giudizio di fatto, idoneamente fondato sulla testimonianza resa dai verbalizzanti.

4.1. Non sussistono invece, proprio per il carattere sopravvenuto della causa di inammissibilità, i presupposti per il raddoppio del contributo unificato (Cass. ord. 07/12/2018, n. 31732).

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna i4 ricorrenti al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità in favore della controricorrente che liquida in complessivi Euro 3.000,00 di cui 200 per esborsi, oltre accessori di legge e spese generali.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile della Corte suprema di Cassazione, il 17 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 2 ottobre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA