Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20939 del 06/08/2019

Cassazione civile sez. trib., 06/08/2019, (ud. 25/10/2018, dep. 06/08/2019), n.20939

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CRISTIANO Magda – Presidente –

Dott. DE MASI Oronzo – Consigliere –

Dott. ZOSO Liana Maria Teresa – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. BALSAMO Milena – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7204-2013 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

B.G., domiciliato in ROMA P.ZZA CAVOUR presso la

cancelleria della CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’Avvocato ROSARIO CALI’;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 5/2012 della COMM. TRIB. REG. di PALERMO,

depositata il 25/01/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

25/10/2018 dal Consigliere Dott. MILENA BALSAMO.

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. B.G. impugnava la cartella esattoriale notificatagli per il pagamento di IVA, IRPEF ed IRAP 2003, eccependo l’illegittimità della notifica del prodromico avviso di accertamento, effettuato dall’Agenzia alla (OMISSIS) anzichè al numero civico (OMISSIS) della stessa strada, dove, secondo quanto risultava dalla sua partita Iva e dalla dichiarazione dei redditi del 2005, egli aveva domicilio fiscale..

La CTP di Palermo accoglieva il ricorso.

L’appello proposto dall’Agenzia delle Entrate contro la decisione è stato respinto dalla CTR della Sicilia, con sentenza del 25.1.2012.

Il giudice ha rilevato che la notifica dell’avviso, eseguita a mezzo posta alla (OMISSIS), con successivo deposito del plico, stante il mancato reperimento del contribuente, presso l’ufficio postale, era nulla in quanto al predetto indirizzo non erano ubicati nè il domicilio fiscale del B. dove la notifica avrebbe dovuto essere eseguita – nè l’abitazione, l’ufficio o l’azienda del contribuente.

L’Agenzia delle Entrate propone ricorso per la cassazione della sentenza sorretto da un solo motivo. Il contribuente resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

2. Con l’unico motivo, l’Agenzia delle Entrate lamenta la violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 600 del 1973, artt. 58e 60, e della L. n. 890 del 1982, art. 8, ex art. 360 c.p.c., n. 3, per avere i giudici territoriali ritenuto nulla la notificazione dell’avviso effettuata presso la residenza anagrafica del contribuente anzichè presso il suo domicilio fiscale; deduce, in particolare, che la notifica va eseguita presso il domicilio fiscale solo nel caso di elezione dello stesso ai sensi del cit. art. 60, lett. d), e non anche nel caso di dichiarazione di domicilio, consistente nell’indicazione del luogo compreso nel Comune di residenza anagrafica in cui è possibile notificare gli atti.

3. Il motivo, prima ancora che infondato (In tema di accertamento delle imposte sui redditi, la notificazione dell’avviso effettuata presso la residenza anagrafica invece che presso il diverso indirizzo indicato dal contribuente nella dichiarazione dei redditi, situato sempre nel medesimo comune di domicilio fiscale, non è valida, atteso che tale indicazione equivale ad elezione di domicilio, ai sensi del combinato disposto del D.P.R. n. 600 del 1973, artt. 58 e 60: cfr. Cass. nn. 23024 e 15258 del 2015), è inammissibile sotto un duplice profilo.

3.1. In primo luogo l’Ufficio si limita ad affermare che la notifica venne eseguita presso la residenza anagrafica del B., ma tale circostanza non emerge dalla lettura della sentenza impugnata e non può pertanto ritenersi accertata. Ne consegue che, nel rispetto del requisito di specificità di cui all’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6, la ricorrente avrebbe dovuto allegare al ricorso il certificato che attestava che alla data della notifica dell’avviso il contribuente risultava risiedere alla (OMISSIS), o avrebbe quantomeno dovuto indicare in quale esatta sede processuale il certificato era stato prodotto.

3.2. Il motivo, inoltre, non investe l’assunto della CTR secondo cui al predetto indirizzo il B. non aveva nè l’abitazione, nè l’ufficio nè l’azienda, che costituisce implicito accertamento in fatto della non corrispondenza fra il luogo di residenza del contribuente (eventualmente) risultante dalla certificazione anagrafica, avente valore meramente presuntivo, ed il luogo di sua residenza effettiva.

Il ricorso va dunque respinto, con aggravio di spese.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna l’Agenzia delle Entrate alla refusione delle spese sostenute dal contribuente, che liquida in Euro 6.000,00 per compensi, oltre rimborso forfettario, iva e c.p.a come per legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della sezione tributaria della Corte di Cassazione, il 25 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 6 agosto 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA