Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20938 del 06/08/2019

Cassazione civile sez. trib., 06/08/2019, (ud. 11/10/2018, dep. 06/08/2019), n.20938

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CRISTIANO Magda – Presidente –

Dott. CHINDEMI Domenico – Consigliere –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. BALSAMO Milena – rel. Consigliere –

Dott. FASANO Anna Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 14665-2013 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

IMMOBILIARE COLORADO SRL;

– intimato –

avverso la sentenza n. 37/2012 della COMM. TRIBUTARIA II GRADO di

TRENTO, depositata il 23/04/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

11/10/2018 dal Consigliere Dott. MILENA BALSAMO;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero in persona del

Sostituto Procuratore Generale Dott. GIOVANNI GIACALONE che ha

chiesto l’accoglimento del ricorso.

Fatto

RITENUTO

CHE:

1. Il 29.09.2005, Central Park s.p.a., in persona del legale rappresentante pro-tempore B.D., vendeva ad Immobiliare Colorado s.r.l., in persona del medesimo L.R., un immobile accatastato in (OMISSIS) quale albergo-pensione con l’insegna “(OMISSIS)” al prezzo di 1.200.000,00 Euro; con atto del 30.11.2005, Central Park cedeva a Safim s.r.l. l’azienda alberghiera avente per oggetto l’esercizio della “(OMISSIS)” per il corrispettivo di Euro 15.000; con contratto del 16.12.2005, Safim affittava l’azienda ad Immobiliare Colorado; in data 23.12.2005, Immobiliare Colorado, che già nel maggio di quell’anno aveva presentato istanza per ottenere dall’ufficio del turismo di (OMISSIS) contributi per un investimento diretto a trasformare la (OMISSIS) nell’albergo (OMISSIS), subaffittava l’azienda, comprensiva dell’immobile di sua proprietà, a Blue Hotel s.p.a.; infine, il 15.2.2007 Safim vendeva l’azienda ad Asfim s.r.l. che, il successivo 6.3.2007, ne acquisiva l’intero capitale sociale e assumeva anche il controllo di Immobiliare Colorado, acquistandone la maggioranza delle quote. L’amministrazione finanziaria, ritenendo che tutte le descritte operazioni negoziali non fossero sorrette da valide ragioni economiche, ma fossero dirette ad un risparmio di imposta, avendo sostanzialmente consentito ad Immobiliare Colorado di acquisire l’azienda di Central Park, attraverso l’interposizione fittizia di Safim, versando – in luogo delle imposte di registro, immobiliari e catastali dovute – l’IVA sull’acquisto dell’immobile poi chiesta ed ottenuta a rimborso, emetteva avviso di accertamento nei confronti di Immobiliare Colorado per il recupero dell’imposta indebitamente rimborsata.

2. Il ricorso proposto dalla società contro l’avviso veniva respinto dalla CTP di Trento, ma la decisione, appellata dalla soccombente, veniva riformata dalla CTR del Trentino – sezione staccata di Trento – con sentenza del 23 aprile 2012.

Il giudice territoriale rilevava: che l’appellante non era mai divenuta cessionaria dell’azienda di Central Park, avendola soltanto ottenuta in godimento da Safim, peraltro per un periodo di tempo limitato, e che, per pervenire all’oggettiva conclusione dell’avvenuta acquisizione del complesso aziendale da parte di un unico soggetto si sarebbe dovuta spostare l’attenzione a circa due anni dopo, allorquando Asfim aveva acquisito il controllo sia di Colorado, proprietaria dell’immobile, sia di Safim, titolare dell’azienda in esso gestita; che tuttavia Asfim era all’evidenza una società terza, che aveva concluso l’operazione in piena autonomia, nell’ambito della propria strategia imprenditoriale; che, in definitiva, doveva escludersi che vi fosse prova che gli atti posti in essere fossero stati artatamente frazionati all’unico scopo di accedere ad un più favorevole regime fiscale.

L’ufficio ricorre per la cassazione della sentenza sulla base di tre motivi Immobiliare Colorado non svolge difese.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1. Con il primo motivo l’Agenzia delle Entrate denuncia la violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 131 del 1986, art. 20, e del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 2, nonchè degli artt. 2727 e 2729 c.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, per avere la CTR escluso che vi fosse prova dell’elusione in quanto Colorado non aveva mai acquistato l’azienda, ma l’aveva solo condotta in affitto per un breve periodo di tempo, circostanza che era invece del tutto irrilevante, posto che, per un verso, la società aveva acquistato il bene principale (l’immobile) che componeva il complesso aziendale, di per se stesso idoneo all’esercizio dell’impresa, e che, per l’altro, non è necessario che il titolare dell’azienda sia proprietario di tutti i beni che la compongono, su alcuni dei quali può anche vantare un mero diritto di godimento.

2. Con il secondo motivo, che denuncia l’omesso esame di un fatto decisivo, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5, la ricorrente lamenta che la CTR non abbia “indagato” e “motivato” sul fatto comprovato che attraverso i distinti atti, di vendita dell’immobile da Central Park a Colorado, di vendita dell’azienda da 1/7 Central Park a Safim e di affitto dell’azienda da Safim a Colorado, si era inteso trasferire a quest’ultima società la giuridica disponibilità dell’azienda alberghiera già di proprietà di Central Park, in una situazione sostanzialmente analoga alla proprietà dell’intero complesso aziendale.

3. Con il terzo motivo, che denuncia motivazione insufficiente su un ulteriore fatto decisivo, l’Ufficio si duole che la CTR abbia ritenuto Asfim una società terza, senza tener conto dei numerosi elementi istruttori che nel loro complesso palesavano, quale conseguenza ragionevole e verosimile, che gli atti posti in essere fra Central Park, Immobiliare Colorado e Safim fossero finalizzati alla successiva acquisizione da parte di Asfim dell’intero complesso aziendale.

4. Il primo motivo è inammissibile.

Va premesso che l’interpretazione giuridica degli atti, ai sensi del D.P.R. n. 131 del 1986, art. 20, vecchio testo (applicabile ratione temporis al caso di specie), secondo il quale l’imposta è applicabile secondo la natura intrinseca e gli effetti giuridici degli atti soggetti a registrazione, anche se non vi corrisponda il titolo o la forma apparente, impone una qualificazione oggettiva degli atti secondo la causa concreta dell’operazione negoziale complessiva, indipendentemente dall’eventuale intento elusivo perseguito dalle parti.

Tuttavia, se è ben vero che, in tema di determinazione dell’imposta di registro, in caso di pluralità di atti non contestuali, va attribuita preminenza, in applicazione del cit. art. 20, alla causa reale dell’operazione, sicchè, ai fini dell’individuazione del corretto trattamento fiscale, è possibile valutare, ai sensi dell’art. 1362 c.c., comma 2, circostanze ed elementi di fatto diversi da quelli emergenti dal tenore letterale delle previsioni contrattuali (Cass. sez. V, n. 6405 del 19/03/2014), è d’altro canto indubbio che nel caso di specie la CTR, all’esito di un argomentata analisi dei fatti e delle operazioni economiche, ha ritenuto che i titoli corrispondessero alla reale natura degli atti posti in essere da Central Park, Immobiliare Colorado e Safim ed, in particolare, che Immobiliare Colorado non abbia mai acquisito la proprietà dell’azienda alberghiera gestita all’interno dell’immobile da essa acquistato.

L’Agenzia, pur denunciando col motivo in esame un vizio di violazione di legge, si è in realtà limitata a contrapporre alle argomentazioni del giudice d’appello le proprie valutazioni in ordine agli elementi di fatto, finendo per formulare una richiesta di riesame del merito della lite non consentita in questa sede di legittimità: in sostanza, la ricorrente non lamenta che il giudice abbia erroneamente applicato il richiamato art. 20, ma si duole che non l’abbia ritenuto concretamente applicabile, nonostante gli elementi valutati fossero suscettibili di una diversa lettura, conforme a quella da essa prospettata ed attesa.

L’astratto e generico riferimento al D.P.R. n. 131 del 1986, art. 20, od alle norme civili in materia di prova presuntiva, non accompagnato dalla precisa indicazione dei canoni interpretativi violati e, soprattutto, del modo in cui il giudice se ne è discostato, non appaiono pertanto idonei a censurare l’accertamento della CTR secondo cui Colorado non è divenuta cessionaria dell’azienda alberghiera, ma ne ha solo ottenuto il godimento per un limitato periodo di tempo.

5. Il secondo motivo è parimenti inammissibile, in quanto l’interpretazione degli atti negoziali e l’accertamento del fine con essi perseguito dalle parti costituiva l’oggetto stesso del giudizio demandato alla CTR e non certo “fatto decisivo” omesso, rientrando in tale nozione esclusivamente elementi fattuali storici e non anche interpretativi (fra molte: Cass. n. 20718/2018; n. 16703/2018; n. 23238/2017; n. 5795/2013).

6. Anche il terzo motivo è inammissibile.

E’ dirimente il rilievo che la censura in esso dedotta non investe una statuizione dotata di autonoma valenza decisoria, di per sè suscettibile di impugnazione, ma un mero passaggio motivazionale della sentenza, attraverso il quale la CTR ha inteso evidenziare un ulteriore elemento di prova a sostegno della pronuncia di rigetto. La questione è tuttavia totalmente estranea al giudizio, di cui Asfim non è mai stata parte e nel quale non era controverso se gli atti posti in essere da Central Park, Immobiliare Colorado e Safim fossero finalizzati alla successiva acquisizione da parte della predetta società dell’intero complesso aziendale, ma unicamente se Immobiliare Colorado, attraverso la stipula del contratto di acquisto dell’immobile e del separato atto di affitto dell’azienda alberghiera in esso condotta, avesse acquisito la titolarità dell’azienda stessa, ottenendo un indebito rimborso dell’IVA.

In assenza di costituzione della società contribuente, non v’è luogo alla liquidazione delle spese del giudizio.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, il 11 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 6 agosto 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA