Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20917 del 07/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 07/09/2017, (ud. 07/07/2017, dep.07/09/2017),  n. 20917

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19157/2016 proposto da:

L.C.S., V.M.A., elettivamente

domiciliati in ROMA Piazza Cavour presso la Cancelleria della Corte

di Cassazione, rappresentati e difesi dall’avvocato CLAUDIO

DEFILIPPI;

– ricorrenti –

contro

ORGANISMO DI COMPOSIZIONE DELLA RISI, F.A.;

– intimati –

avverso il decreto del TRIBUNALE di LA SPEZIA del 16/06/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 07/07/2017 dal Consigliere Dott. LOREDANA NAZZICONE.

Fatto

RILEVATO

– che la parte ricorrente ha proposto ricorso, sulla base di due motivi, avverso il decreto del Tribunale di La Spezia del 17 giugno 2016, il quale ha respinto il reclamo avverso il decreto di inammissibilità del piano del consumatore pronunciato dal giudice monocratico;

– che non svolge difese la parte intimata;

– che è stata ravvisata la sussistenza dei presupposti per la trattazione camerale, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c.;

– che parte ricorrente ha depositato la memoria.

Diritto

CONSIDERATO

– che il ricorso è inammissibile;

– che, invero, questa Corte ha già espresso il principio, che si intende confermare ora, secondo cui “Il decreto reiettivo del reclamo avverso il provvedimento di rigetto dell’ammissibilità del piano del consumatore di cui alla L. n. 3 del 2012, art. 6, art. 7, comma 1 bis ed art. 8, non precludendo a quest’ultimo benchè nei limiti temporali previsti dall’art. 7, comma 2, lett. b), medesima L. – di presentare un altro e diverso piano di ristrutturazione dei suoi debiti, è privo dei caratteri della decisorietà e definitività, sicchè non è ricorribile per cassazione” (Cass. 1 febbraio 2016, n. 1869);

– che, dunque, si impone la declaratoria di inammissibilità del ricorso;

– che non vi è pronuncia sulle spese, in ragione della mancanza di difese della parte intimata;

– che segue la dichiarazione di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13.

PQM

 

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Dichiara che, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, sussistono i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 7 luglio 2017.

Depositato in Cancelleria il 7 settembre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA