Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20906 del 05/08/2019

Cassazione civile sez. I, 05/08/2019, (ud. 17/04/2019, dep. 05/08/2019), n.20906

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Presidente –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. FIDANZIA Andrea – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 16996/2018 proposto da:

Ministero dell’Interno, in persona del Ministro pro tempore,

domiciliato in Roma, Via dei Portoghesi n. 12, presso l’Avvocatura

Generale dello Stato, che lo rappresenta e difende ope legis;

– ricorrente –

contro

S.A., domiciliato in Roma, Piazza Cavour, presso la

Cancelleria Civile della Corte di Cassazione, rappresentato e difeso

dall’avvocato Marelli Mariagrazia, giusta procura in calce al

controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 5216/2017 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

pubblicata il 13/12/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

17/04/2019 dal cons. Dott. FIDANZIA ANDREA.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Il collegio, rilevato che con ordinanza di questa Corte n. 11749/19 è stata rimessa alle Sezioni Unite Civili non solo la questione in ordine alla retroattività o meno del D.L. n. 113 del 2008, ma anche lo scrutinio sui principi elaborati da questa Corte con la sentenza n. 4455/2018;

che, pertanto, appare quanto mai opportuno rinviare a nuovo ruolo in attesa che intervenga sulle questioni sopra illustrate la decisione del Supremo Collegio.

P.Q.M.

Rinvia a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 17 aprile 2019.

Depositato in Cancelleria il 5 agosto 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA