Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20838 del 14/10/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. VI, 14/10/2016, (ud. 24/06/2016, dep. 14/10/2016), n.20838

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – rel. Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 8098-2015 proposto da:

I.F., elettivamente domiciliato in ROMA,

presso lo studio dell’avvocato M. Z., che lo rappresenta e

difende unitamente all’avvocato M. D. L., giusta procura in

calce del ricorso;

– ricorrente –

contro

COMUNE ROMA, ROMA CAPITALE, EQUITALIA GERIT SUD SPA IN PDLRPT;

– intimati –

avverso la sentenza n. 22092/2014 del TRIBUNALE di ROMA, depositata

il 06/11/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

24/06/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ELISA PICARONI;

udito l’Avvocato Z. M., difensore del ricorrente che ha

chiesto si riporta e deposita note giurisprudenziali.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Ritenuto che I.F. ricorre, sulla base di un motivo, per la cassazione della sentenza del Tribunale di Roma, depositata il 6 novembre 2014, che ha confermato la sentenza del Giudice dl pace di Roma n. 39802 del 2013 di accoglimento dell’opposizione proposta dal sig. I. avverso la pretesa impositiva e di rigetto della domanda di condanna di Roma capitale e di Equitalia Gerit Sud s.p.a. per lite temeraria, formulata dal medesimo I., a spese compensate in ragione della parziale soccombenza dell’opponente;

che gli intimati Roma Capitale ed Equitalia Gerit Sud spa non hanno svolto difese.

Considerato che il Collegio ha deliberato l’adozione di una motivazione in forma semplificata;

che con l’unico motivo è dedotta violazione e/o falsa applicazione delle norme in materia di liquidazione delle spese di lite, e in particolare dell’art. 92 c.p.c., e si contesta che la soccombenza sia configurabile a fronte del rigetto di una delle domande proposte dalla parte che sia risultata vittoriosa sulla domanda principale;

che la tesi del ricorrente non può essere condivisa;

che il rigetto di parte della domanda ovvero di alcune delle domande proposte dalla stessa parte configura l’ipotesi di parziale soccombenza reciproca, che giustifica la compensazione totale o parziale delle spese di lite, in applicazione del principio di causalità, in forza del quale sono Imputabili a ciascuna parte gli oneri processuali causati all’altra per aver resistito a pretese fondate, ovvero per aver avanzato pretese infondate (da ultimo, con ampi richiami, Cass., sez. 3, sentenza n. 3438 del 2016);

che, nella specie, il rigetto della domanda di condanna per lite temeraria ex art. 96 c.p.c. – che è domanda autonoma – a fronte dell’accoglimento della domanda di opposizione, configura la soccombenza reciproca idonea a giustificare la compensazione delle spese di lite, ai sensi dell’art. 92 c.p.c., nel testo applicabile ratione temporis;

che il ricorso è rigettato senza pronuncia sulle spese, atteso il mancato svolgimento di difese da parte degli intimati;

che sussistono i presupposti per il versamento dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato.

PQM

La Corte rigetta il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta civile – 2 della Corte suprema di Cassazione, il 24 giugno 2016.

Depositato in Cancelleria il 14 ottobre 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA