Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20812 del 06/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 06/09/2017, (ud. 13/07/2017, dep.06/09/2017),  n. 20812

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI IASI Camilla – Presidente –

Dott. ZOSO Liana Maria Teresa – rel. Consigliere –

Dott. CARBONE Enrico – Consigliere –

Dott. FASANO Anna Maria – Consigliere –

Dott. GIORDANO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 11885-2013 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

FIOCCA VCG SRL;

– intimato –

avverso la sentenza n. 8/2013 della COMM.TRIB.REG.SEZ.DIST. di

PESCARA, depositata il 14/01/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

13/07/2017 dal Consigliere Dott. LIANA MARIA TERESA ZOSO;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero in persona del

Sostituto Procuratore Generale Dott.ssa DE RENZIS Luisa, che ha

chiesto l’accoglimento del ricorso.

Fatto

ESPOSIZIONE DEI FATTI DI CAUSA

1. La società Fiocca V.G.C. s.r.l. impugnava l’atto di diniego emesso dal centro operativo di Pescara dell’agenzia delle entrate in ordine all’istanza di nulla osta alla fruizione del credito d’imposta per investimenti di cui alla L. n. 296 del 2006, art. 1, commi 271-279. La società aveva trasmesso nei termini previsti dal D.L. n. 97 del 2008 il formulario prescritto per ottenere il riconoscimento del credito d’imposta ma aveva omesso di presentare la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà concernente il fatto di non aver goduto di aiuti di Stato dichiarati incompatibili dalla Commissione Europea. Il centro operativo aveva concesso 10 giorni per presentare la dichiarazione sostitutiva e la contribuente, per il tramite del suo intermediario, aveva provveduto al deposito del documento stesso oltre il termine prescritto. La commissione tributaria provinciale di Pescara rigettava il ricorso. Proposto appello da parte della contribuente, la commissione tributaria regionale dell’Abruzzo, sezione staccata di Pescara, lo accoglieva sul rilievo che il D.L. n. 97 del 2008, il quale prevedeva che il formulario dovesse essere inviato a pena di decadenza entro 30 giorni dall’attivazione della procedura per l’attivazione del formulario stesso, si poneva in contrasto con la L. n. 212 del 2000, art. 3,comma 2, che inibisce all’amministrazione finanziaria di disporre adempimenti tributari con scadenza antecedente ai 60 giorni.

2. Avverso la sentenza della CTR propone ricorso per cassazione l’agenzia delle entrate affidato ad un motivo. La contribuente non si è costituita in giudizio. Il pubblico ministero ha depositato conclusioni scritte a norma dell’art. 380 bis c.p.c., comma 1.

3. Con l’unico motivo la ricorrente deduce violazione di legge, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3. Sostiene che la CTR ha errato nell’affermare che l L. n. 212 del 2000, art. 3, comma 2, pone un principio di rango costituzionale tale per cui le leggi successive non potrebbero prescrivere un adempimento da parte del contribuente entro termini inferiori a quello di 60 giorni.

Diritto

ESPOSIZIONE DELLE RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Osserva la Corte che il ricorso è fondato. Il D.L. 3 giugno 2008, n. 97, art. 2, comma 1, lett. a) prevedeva che per i progetti di investimento che, sulla base di atti o documenti aventi data certa, risultavano già avviati prima della data di entrata in vigore del decreto, i soggetti interessati erano tenuti ad inoltrare per via telematica alla Agenzia delle entrate, entro trenta giorni dalla data di attivazione della procedura di cui al comma 4, a pena di decadenza dal contributo, un apposito formulario approvato dal Direttore della predetta Agenzia. Il successivo comma 4 prevedeva che il formulario per la trasmissione dei dati fosse approvato con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate, adottato entro sette giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto; entro tre giorni dalla data di adozione del provvedimento era prevista l’attivazione della procedura per la trasmissione del formulario.

Ora, costituisce principio più volte affermato dalla Corte di legittimità quello secondo cui le norme della L. 27 luglio 2000, n. 212 (c.d. Statuto del contribuente), emanate in attuazione degli artt. 3,23,53 e 97 Cost. e qualificate espressamente come principi generali dell’ordinamento tributario, sono, in alcuni casi, idonee a prescrivere specifici obblighi a carico dell’Amministrazione finanziaria e costituiscono, in quanto espressione di principi già immanenti nell’ordinamento, criteri guida per il giudice nell’interpretazione delle norme tributarie (anche anteriori), ma non hanno rango superiore alla legge ordinaria; conseguentemente, non possono fungere da norme parametro di costituzionalità, nè consentire la disapplicazione della norma tributaria in asserito contrasto con le stesse (Cass. n. 4815 del 28/02/2014; Cass. n. 8145 del 11/04/2011).

Ne consegue che ha errato la CTR nell’affermare che la illegittimità del diniego opposto in ordine all’istanza di nulla osta alla fruizione del credito d’imposta derivava dal fatto che il D.L. 3 giugno 2008, n. 97, art. 2, comma 1, lett. a) prevedeva termini per adempimenti da parte del contribuente inferiori a quelli previsti dalla L. n. 212 del 2000, art. 3, comma 2.

Si impone, dunque, l’accoglimento del ricorso e la cassazione con rinvio alla commissione tributaria regionale dell’Abruzzo, sezione staccata di Pescara, in diversa composizione che, adeguandosi ai principi esposti, esaminerà le ulteriori questioni sollevate dall’appellante e deciderà nel merito oltre che sulle spese di questo giudizio di legittimità.

PQM

 

La Corte accoglie il ricorso dell’Agenzia Entrate, cassa l’impugnata decisione e rinvia alla commissione tributaria regionale dell’Abruzzo, sezione staccata di Pescara, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 13 luglio 2017.

Depositato in Cancelleria il 6 settembre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA