Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20809 del 01/08/2019

Cassazione civile sez. VI, 01/08/2019, (ud. 27/06/2019, dep. 01/08/2019), n.20809

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. GIANNITI Pasquale – Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

Dott. D’ARRIGO Cosimo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 14775-2018 proposto da:

C.S., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA COLA DI

RIENZO 297, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE FRANCESCO

GIOFFRE’, rappresentata e difesa dall’avvocato FRANCA RISICA;

– ricorrente –

contro

Avv. F.E. nella qualità di Curatore del Fallimento

“(OMISSIS) SPA”, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA SAN NICOLA

DE CESARINI 3, presso lo studio dell’avvocato FRANCESCO MACARIO,

rappresentato e difeso dall’avvocato DOMENICO CATALDO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 403/2017 della CORTE D’APPELLO di MESSINA,

depositata il 12/04/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 27/06/2019 dal Consigliere Relatore Dott. PASQUALE

GIANNITI.

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. C.S. ha proposto ricorso nei confronti del Fallimento (OMISSIS) s.p.a. avverso la sentenza n. 403/2017 della Corte di Appello di Messina che, accogliendo l’impugnazione proposta dal Fallimento, ha riformato la sentenza n. 2366/2008 del Tribunale di Messina; e per l’effetto, in accoglimento della domanda proposta dalla Curatela in primo grado, ha dichiarato inefficace nei confronti della stessa l’atto di vendita per Notaio B. del 1/12/1994 (intercorso tra la (OMISSIS) s.p.a. e i genitori della C.; avente ad oggetto un appartamento sito in Messina; ed effettuato per persona da nominare, poi individuata nella odierna ricorrente), ordinando alla C. la restituzione dell’immobile.

2. Il Fallimento (OMISSIS) s.p.a. ha resistito con controricorso.

3. Essendosi ritenute sussistenti dal relatore designato le condizioni per definire il ricorso con il procedimento ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., è stata redatta proposta ai sensi di tale norma e ne è stata fatta notificazione ai difensori delle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza della Corte.

4. In vista dell’odierna adunanza entrambe le parti hanno depositato memoria a sostegno dei rispettivi assunti.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

Il Collegio si è riunito in camera di consiglio per decidere sul ricorso.

Durante la discussione, il Consigliere D’Arrigo Cosimo, previo esame del fascicolo di ufficio, ha rilevato di aver a suo tempo autorizzato, quale Giudice Delegato ai Fallimenti presso il Tribunale di Messina, la Curatela del Fallimento (OMISSIS) s.p.a. alla proposizione dell’azione. Ed ha dichiarato di volersi astenere.

Pertanto, la causa va rinviata a nuovo ruolo.

P.Q.M.

La Corte rinvia la causa a nuovo ruolo

Così deciso in Roma, il 27 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 1 agosto 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA