Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20794 del 21/07/2021

Cassazione civile sez. trib., 21/07/2021, (ud. 15/04/2021, dep. 21/07/2021), n.20794

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. CATALLOZZI Paolo – Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI VISCITO DI NOCERA M.G. – Consigliere –

Dott. GORI P. – rel. Consigliere –

Dott. SAIJA Salvatore – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 12465/2015 R.G. proposto da:

D.M., rappresentata e difesa dall’Avv. Francesco

Falcitelli, con domicilio eletto presso il suo studio (Dentons

Europe studio legale tributario) in Roma, via XX Settembre n. 5;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, con

domicilio eletto in Roma, via Dei Portoghesi, n. 12;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del

Piemonte, n. 1273/31/2014 depositata il 3 novembre 2014, non

notificata.

Udita la relazione svolta nell’adunanza camerale del 15 aprile 2021

dal consigliere Pierpaolo Gori.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. Con sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Piemonte veniva rigettato l’appello proposto dall’Agenzia delle Entrate avverso la sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Biella n. 198/2/2012 la quale, a sua volta, aveva riunito e rigettato per tardività i ricorsi di D.M..

2. I ricorsi avevano ad oggetto due atti di contestazione sanzioni emessi nei confronti della contribuente quale intestataria di conti correnti presso istituto di credito elvetico per aver omesso di compilare il quadro RW della dichiarazione dei redditi per gli anni di imposta 2006 e 2007 ed aver conseguentemente omesso di dichiarare redditi da investimento all’estero in violazione del D.L. n. 167 del 1990, art. 4.

3. Avverso la decisione propone ricorso la contribuente, affidato a due motivi, cui replica l’Agenzia delle Entrate con controricorso.

4. Da ultimo la contribuente ha depositato rinuncia al ricorso per cassazione.

Diritto

CONSIDERATO

che:

5. Nella nota di deposito del 5.3.2021 la contribuente ha reso noto di voler rinunziare al ricorso, corredando l’istanza con documentazione attestante il pagamento della definizione agevolata di cui al D.L. n. 193 del 2016, art. 6. La Corte osserva che la procura a margine del ricorso è molto ampia e generica e, nei termini in cui è articolata, non idonea a conferire poteri di rinunciare al ricorso. Nondimeno, il tenore della memoria è una chiara manifestazione di sopravvenuta carenza di interesse alla decisione del ricorso e il fatto sopravvenuto è idoneo a determinare inoltre la compensazione delle spese di lite.

6. Nell’ipotesi di causa di inammissibilità sopravvenuta alla proposizione del ricorso per cassazione non sussistono i presupposti per imporre al ricorrente il pagamento del cd. “doppio contributo unificato” (Cass. Sez. 5 -, Ordinanza n. 31732 del 07/12/2018, Rv. 651779 – 01; conforme, Cass. Sez. 6 – 1, Ordinanza n. 23175 del 12/11/2015, Rv. 637676 – 01).

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e compensa le spese di lite.

Così deciso in Roma, il 15 aprile 2021.

Depositato in Cancelleria il 21 luglio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA