Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20777 del 01/08/2019

Cassazione civile sez. III, 01/08/2019, (ud. 19/12/2018, dep. 01/08/2019), n.20777

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SPIRITO Angelo – Presidente –

Dott. DI FLORIO Antonella – Consigliere –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

Dott. FIECCONI Francesca – Consigliere –

Dott. D’ARRIGO Cosimo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 5467/2017 R.G. proposto da:

UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.P.A. in persona del suo procuratore

speciale Dott. C.N., elettivamente domiciliata in Roma,

Piazza Adriana 5 – Pal. A, presso lo studio dell’avvocato Simone De

Martino, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato

Marcello Ghelardi, giusta procura speciale in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

BLUE PANORAMA AIRLINES S.P.A. IN A.S., in persona del Commissario

Straordinario L.G., elettivamente domiciliata in Roma,

Viale Liegi 28, presso lo studio dell’avvocato Laura Pierallini, che

la rappresenta e difende giusta procura speciale in calce al

controricorso;

– controricorrente –

AEREOPORTO VALERIO CATULLO DI VERONA VILLAFRANCA S.P.A., in persona

del suo legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato

in Roma, Via Prisciano 42 presso lo studio dell’avvocato Enzo

Fogliano giusta procura speciale in calce al controricorso;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

AXA CORPORATE SOLUTIONS S.A. – RAPPRESENTANZA GENERALE PER L’ITALIA,

in persona del Procuratore speciale e legale rappresentante pro

tempore Dott. A.G., elettivamente domiciliata in Roma,

Piazza Mazzini 27, presso lo studio dell’avvocato Raffaele Sperati,

che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati Corrado

Bregante e Angelo Merialdi, giusta procura speciale in calce al

controricorso e ricorso incidentale;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

ALLIANZ S.P.A., in persona del Procuratore speciale e legale

rappresentante pro tempore Ca.Ca., elettivamente

domiciliata in Roma, Piazza Mazzini 27, presso lo studio

dell’avvocato Raffaele Sperati, che la rappresenta e difende

unitamente agli avvocati Corrado Bregante e Angelo Merialdi giusta

procura speciale in calce al controricorso e ricorso incidentale;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

avverso la sentenza n. 1070/2016 della Corte d’appello di Venezia,

depositata il 12/05/2016.

Udita la relazione svolta nella pubblica udienza del 19 dicembre 2018

dal Consigliere Dott. Cosimo D’Arrigo;

uditi gli Avv. Luigi occhiuto in sostituzione di Simone De Martino,

Enzo Foglianì, Raffaele Sperati, Gianluigi Ascenzi per delega

dell’avv. Laura Pierallini;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore

generale Dott. PEPE Alessandro, che ha concluso chiedendo

l’accoglimento dell’impugnazione proposta dalla Unipolsai S.p.a. e

il rigetto delle altre.

Fatto

RITENUTO

La Unipolsai S.p.a. ha proposto ricorso per cassazione, articolato in due motivi, al quale hanno resistito con controricorso la Blue Panorama Airlines S.p.a. e la Aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca S.p.a.

Quest’ultima ha proposto, a sua volta, ricorso incidentale, articolato in cinque motivi.

Hanno resistito con controricorso al ricorso incidentale tutte e tre le assicurazioni e la Blue Panorama Airlines S.p.a. La Axa S.p.a. e la Allianz S.p.a. hanno entrambe proposto ricorso incidentale, articolato in due motivi.

Diritto

CONSIDERATO

Fra le eccezioni preliminari, vi è quella, sollevata dalla Blue Panorama Airlines S.p.a., di inammissibilità del ricorso principale per tardività. Sebbene tale eccezione sia stata declinata in relazione alla violazione del termine “lungo” di cui all’art. 327 c.p.c., costituisce dovere di questa Corte verificare, anche d’ufficio, l’osservanza anche del termine “breve” previsto dall’art. 325 c.p.c.

Il decorso di tale termine dipende dalla data di notificazione della sentenza impugnata, dichiaratamente avvenuta il 21 dicembre 2016 a mezzo PEC.

Sennonchè, che la società ricorrente, pur dichiarando di aver ricevuto la notificazione della sentenza, non ha prodotto in giudizio l’atto notificato.

Nelle more della decisione è stata pubblicata la sentenza delle Sezioni unite n. 8312 del 25 marzo 2019, relativa alla questione giù pendente alla data di assunzione della causa in decisione della individuazione dei limiti entro cui possa essere rilevata l’improcedibilità o la tardività del ricorso per cassazione accompagnato dal deposito di copia analogica della decisione impugnata predisposta in originale telematico e notificata a mezzo PEC priva dell’attestazione di conformità del difensore del D.L. n. 179 del 2002, ex art. 16-bis, comma 9-bis, convertito dalla L. n. 221 del 2012.

E’ opportuno che l’incidenza di tale decisione sulla procedibilità del presente ricorso sia discussa nel contraddittorio con le parti. Pertanto, la causa deve essere rimessa a nuovo ruolo.

P.Q.M.

rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 19 dicembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 1 agosto 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA