Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20757 del 04/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 04/09/2017, (ud. 19/05/2017, dep.04/09/2017),  n. 20757

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – rel. Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16233-2015 proposto da:

MIRABELLA SG S.P.A., – C.F. e P.I. (OMISSIS), in persona del

Presidente del Consiglio di Amministrazione e legale rappresentante

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA COLA DI RIENZO

297, presso lo studio dell’avvocato BRUNO TASSONE, rappresentata e

difesa dagli avvocati PIERGIUSEPPE DI NOLA, ANTONINO RESTUCCIA e

SEBASTIANO GIAQUINTO;

– ricorrente –

contro

L.P.S., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

FEDERICO CESI 21, presso lo studio dell’avvocato PATRIZIA PARENTI,

che lo rappresenta e difende unitamente e disgiuntamente agli

avvocati MICHELE LUCCHINI GUASTALLA e BRUNO INZITARI;

– controricorrente –

avverso l’ordinanza n. 291/2015 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 20/04/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 19/05/2017 dal Consigliere Dott. MAURO DI MARZIO.

Fatto

RITENUTO

che:

Mirabella SG s.p.a. propone ricorso per la cassazione dell’ordinanza n. 291/15 con cui la Corte di appello di Napoli ha revocato il decreto mediante il quale il Tribunale di Napoli l’aveva autorizzata a ricorrere a nuova finanza nell’ambito di un accordo di ristrutturazione dei debiti precedentemente attestato.

L.P.S. ha resistito con controricorso illustrato da memoria eccependo l’inammissibilità e l’infondatezza dell’avversa impugnazione.

Diritto

CONSIDERATO

che:

Il primo motivo lamenta “in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 violazione e falsa applicazione della L. Fall., art. 26 circa il (mancato rispetto del) termine per la proposizione del reclamo” deducendo che la Corte territoriale avrebbe erroneamente considerato tempestivo il reclamo proposto dal Z..

Il secondo motivo lamenta “in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 violazione e falsa applicazione della L. Fall., art. 182-quinquies circa la irragionevolezza di ritenere necessario ai fini dell’autorizzazione alla contrazione dei finanziamenti ivi previsti il medesimo grado di accertamento dei dati aziendali previsto per la attestazione del piano di ristrutturazione”.

Ritenuto che:

Il Collegio ha autorizzato, come da decreto del Primo Presidente in data 14 settembre 2016, la redazione della motivazione in forma semplificata.

Il ricorso è inammissibile atteso che va qualificato come proposto ai sensi dell’art. 111 Cost., avendo ad oggetto un provvedimento altrimenti non impugnabile.

In tal guisa, tuttavia, va rilevato che il provvedimento impugnato è privo di qualsiasi definitività, giacchè la revoca dell’autorizzazione a contrarre nuova finanza non è punto definitiva, ben potendo l’istanza essere riproposta in qualsiasi momento dall’imprenditore ammesso al procedimento ex art. 182-bis.

Le spese seguono la soccombenza.

PQM

 

dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al rimborso in favore della controricorrente delle spese di questo giudizio di cassazione, che liquida Euro 4.100,00 (di cui Euro 100 per esborsi) oltre spese generali forfetarie e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 19 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 4 settembre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA