Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20749 del 04/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 04/09/2017, (ud. 18/05/2017, dep.04/09/2017),  n. 20749

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18033/2016 proposto da:

G.L., personalmente ed in rappresentanza della figlia minore,

F.E., FA.EL. già rappresentato dalla madre G.L.

e qui intervenuto avendo raggiunto la maggiore età, F.L.,

elettivamente domiciliati in ROMA, VIALE REGINA MARGHERITA 278,

presso lo studio dell’avvocato STEFANO GIOVE, rappresentati e difesi

dagli avvocati PAOLO SARDOS ALBERTINI, MATTEO ANGELILLIS;

– ricorrenti –

contro

ALLIANZ SPA, in persona del procuratore, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA TEULADA 52, presso lo studio dell’avvocato ANGELO SCARPA,

che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

contro

C.L.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 198/2016 della CORTE D’APPELLO di TRIESTE,

depositata l’11/04/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 18/05/2017 dal Consigliere Dott. DANILO SESTINI.

Dato atto che il Collegio ha disposto la motivazione semplificata.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

la sentenza impugnata ha dichiarato l’inammissibilità dell’atto di appello per difetto delle indicazioni previste dall’art. 342 c.p.c., affermando che “se si confrontano le (…) ampie e articolate motivazioni della sentenza appellata con le contestazioni solevate nell’atto di appello emerge, con tutta evidenza, che lo stesso non è stato redatto in modo conforme alla disposizione del novellato art. 342 c.p.c.”;

hanno proposto ricorso per cassazione G.L., in proprio e in rappresentanza della figlia minore F.E., nonchè Fa.El. e F.L., denunciando, con unico motivo, la violazione e falsa applicazione dell’art. 342 c.p.c., l’omesso esame di un fatto decisivo e la nullità della sentenza ex art. 132 c.p.c.;

ha resistito l’Allianz s.p.a..

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

è infondata la censura relativa al difetto di motivazione in ordine al rilievo della non rispondenza dell’atto di appello al dettato dell’art. 342 c.p.c., in quanto la motivazione è materialmente presente e dà atto – seppur sinteticamente – della non conformità dell’impugnazione al modello legale;

è inammissibile – per difetto di autosufficienza – la censura relativa alla violazione dell’art. 342 c.p.c., in quanto il ricorso non trascrive l’atto di appello in misura idonea a consentire alla Corte di rilevare – sulla base della sola lettura del ricorso – se il gravame contenesse le indicazioni richieste (cfr. Cass. n. 86/2012 e Cass. n. 12664/2012); invero, il ricorso si limita ad illustrare (a pagg. da 12 a 16) i contenuti dell’atto di appello, senza tuttavia porre la Corte in condizione di verificare se l’appello contenesse la specifica indicazione delle parti della sentenza di primo grado sottoposta a gravame e delle modifiche richieste alla ricostruzione del fatto, come pure delle circostanze comportanti “violazione della legge” e della loro rilevanza ai fini della decisione, secondo il paradigma del novellato art. 342 c.p.c.;

la censura relativa all’omesso esame di un fatto decisivo resta assorbita;

il ricorso va pertanto rigettato, con condanna alle spese di lite;

trattandosi di ricorso proposto successivamente al 30.1.2013, sussistono le condizioni per l’applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

PQM

 

la Corte dichiara l’inammissibilità del ricorso e condanna i ricorrenti, in solido, a rifondere alla controricorrente le spese di lite, liquidate in Euro 7.800,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi liquidati in Euro 200,00 e agli accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 18 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 4 settembre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA