Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20740 del 04/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 04/09/2017, (ud. 28/04/2017, dep.04/09/2017),  n. 20740

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BERRINO Umberto – Presidente –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 5994-2014 proposto da:

SICILCASSA S.P.A. IN LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA C.F.

(OMISSIS), in persona dei Commissari Liquidatori pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PO 25/B, presso lo studio

dell’avvocato ROBERTO PESSI, che la rappresenta e difende, giusta

delega in atti;

– ricorrente –

contro

C.C. C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA,

PIAZZA DELL’OROLOGIO, 7, presso lo studio dell’avvocato PAOLA

MORESCHINI, rappresentata e difesa dall’avvocato ALESSANDRO

PALMIGIANO, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 87/2014 della CORTE D’APPELLO di PALERMO,

depositata il 24/01/2014 R.G.N. 2434/2009.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che, con sentenza depositata il 24.1.2014, la Corte d’appello di Palermo ha confermato la statuizione di primo grado che aveva ammesso al passivo di Sicilcassa s.p.a. in liquidazione coatta amministrativa il credito vantato da C.C. a titolo di riscatto della posizione individuale vantata nei confronti del disciolto Fondo aziendale di integrazione delle pensioni (FIP), comprensivo di rivalutazione monetaria e interessi;

che avverso tale pronuncia ha proposto ricorso per cassazione Sicilcassa s.p.a. in 1.c.a., deducendo tre motivi di censura;

che C.C. ha resistito con controricorso;

che entrambe le parti hanno depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che, con la memoria depositata ex art. 378 c.p.c., parte ricorrente, in ossequio a Cass. S.U. n. 477/2015, ha rinunciato ai primi due motivi di ricorso, con i quali si censurava la sentenza impugnata per aver riconosciuto il diritto dell’iscritto al Fondo all’ammissione al passivo per l’intera contribuzione versata, comprensiva della quota versata dal datore di lavoro e degli accessori maturati alla data di cessazione del Fondo;

che la rinuncia ad uno o più motivi di ricorso, che rende superflua una decisione in ordine alla fondatezza o meno di tali censure, è efficace anche in mancanza della sottoscrizione della parte o del rilascio di uno specifico mandato al difensore, in quanto, implicando una valutazione tecnica in ordine alle più opportune modalità di esercizio della facoltà d’impugnazione e non comportando la disposizione del diritto in contesa, è rimessa alla discrezionalità del difensore stesso, onde resta sottratta alla disciplina di cui all’art. 390 c.p.c. per la rinuncia al ricorso (cfr. da ult. Cass. n. 22269 del 2016);

che, con il terzo motivo di censura, parte ricorrente lamenta violazione dell’art. 429 c.p.c. per avere la Corte di merito accordato il cumulo di rivalutazione monetaria e interessi, nonostante il credito vantato avesse natura previdenziale;

che la censura è infondata, avendo questa Corte già fissato il principio secondo cui la L. n. 412 del 1991, art. 16, comma 6, con il quale è stata sancita la non cumulabilità di interessi e rivalutazione monetaria sulle prestazioni dovute da enti gestori di forme di previdenza obbligatoria, si riferisce esclusivamente ai crediti previdenziali vantati verso gli enti suddetti e non è pertanto applicabile alle prestazioni pensionistiche integrative dovute dai datori di lavoro privati (Cass. n. 18041 del 2015); che, per contro, è inammissibile la questione relativa alla possibilità che il credito per cui si controverte sia o meno assistito da privilegio, essendo stata per la prima volta prospettata con la memoria ex art. 378 c.p.c. e dunque in violazione del principio secondo cui le memorie presentate ai sensi della disposizione cit. sono destinate esclusivamente ad illustrare e chiarire le ragioni già compiutamente svolte con l’atto di costituzione ed a confutare le tesi avversarie e non possono specificare od integrare, ampliandolo, il contenuto di argomentazioni che non siano state adeguatamente prospettate o sviluppate con l’atto introduttivo, risultandone altrimenti violato il diritto di difesa della controparte (Cass. S.U. n. 11097 del 2006);

che il ricorso va conclusivamente rigettato, compensandosi tuttavia le spese del giudizio di legittimità in relazione al precorso contrasto di giurisprudenza in merito all’applicabilità alla fattispecie del D.Lgs. n. 124 del 1993, art. 10;

che, tenuto conto del rigetto del ricorso, sussistono invece i presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

PQM

 

La Corte rigetta il ricorso. Compensa le spese.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 28 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 4 settembre 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA