Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20733 del 04/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 04/09/2017, (ud. 27/04/2017, dep.04/09/2017),  n. 20733

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. CURZIO Pietro – Consigliere –

Dott. MANNA Antonio – rel. Consigliere –

Dott. DE GREGORIO Federico – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 26714-2011 proposto da:

Z.M. C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

PANAMA 74, presso lo studio dell’avvocato GIANNI EMILIO IACOBELLI,

che lo rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

POSTE ITALIANE S.P.A. C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA VIALE

MAZZINI 134, presso lo studio dell’avvocato LUIGI FIORILLO, che la

rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 8224/2010 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 04/11/2010 R.G.N. 5426/2006.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che con sentenza pubblicata il 4.11.10 la Corte d’appello di Roma rigettava il gravame di Z.M. contro la sentenza n. 12373/05 del Tribunale della stessa sede che ne aveva respinto la domanda intesa ad ottenere la declaratoria di nullità del termine apposto al contratto di lavoro stipulato dall’attore con Poste Italiane S.p.A. per il periodo 1.10. – 31.12.02, ai sensi della L. n. 56 del 1987, art. 23, e del C.C.N.L. 11 gennaio 2001, art. 25, per “esigenze tecniche, organizzative e produttive anche di carattere straordinario, conseguenti a processi di riorganizzazione, ivi ricomprendendo un più funzionale riposizionamento di risorse sul territorio, anche derivanti da innovazioni tecnologiche, ovvero conseguenti all’introduzione e/o sperimentazione di nuove tecnologie, prodotti o servizi, nonchè all’attuazione delle previsioni di cui agli accordi del 17, 18 e 23 ottobre, 11 dicembre 2001, 11 gennaio 2002, 13 febbraio, 17 aprile 2002”;

che per la cassazione della sentenza ricorre Z.M. affidandosi ad un solo articolato motivo, poi ulteriormente illustrato con memoria;

che Poste Italiane S.p.A. resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che con unico motivo si denuncia violazione e falsa applicazione degli artt. 113,112 e 277 c.p.c., L. n. 56 del 1987, art. 23,D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 11, comma 2, nella parte in cui la sentenza impugnata ha ritenuto applicabile il C.C.N.L. 11 gennaio 2001, art. 25, scaduto 10 mesi prima della stipula del contratto a termine in oggetto;

che il motivo è fondato;

che il D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 11, entrato in vigore il 24 ottobre 2001, dopo aver disposto (al primo comma), tra l’altro,, l’abrogazione della L. n. 230 del 1962, e della L.n. 56 del 1987, art. 23, ha stabilito (al secondo comma) che, in relazione agli effetti derivanti dalla abrogazione delle disposizioni di cui al comma 1, le clausole dei contratti collettivi nazionali di lavoro stipulate ai sensi della citata L. n. 56 del 1987, art. 23 e vigenti alla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo, manterranno, in via transitoria e salve diverse intese, la loro efficacia fino alla data di scadenza dei contratti collettivi nazionali di lavoro;

che tale norma è stata interpretata dalla giurisprudenza di questa Corte di legittimità (cfr., in particolare, Cass. n. 20441/15 e Cass. 4 n. 21092/08) nel senso che la disciplina transitoria ivi contenuta ha la finalità di garantire una transizione morbida tra il vecchio ed il nuovo sistema e che, quindi, in applicazione del citato D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 11, la L. n. 56 del 1987, art. 23, che attribuisce alla contrattazione collettiva la possibilità di identificare nuove ipotesi di legittima apposizione del termine, continua a trovare applicazione anche a seguito dell’entrata in vigore del citato D.Lgs. n. 368 del 2001 (che pure ne reca la formale abrogazione) limitatamente alle clausole dei contratti collettivi di lavoro precedentemente stipulati sotto la vigenza della legge del 1987 ed ancora in corso di efficacia al momento dell’entrata in vigore del citato D.Lgs. fino alla scadenza dei contratti collettivi;

che, ciò premesso, deve altresì ricordarsi che, come chiarito, in particolare, da Cass. 13 luglio 2010 n. 16424, il C.C.N.L. 11 gennaio 2001 del personale non dirigente di Poste italiane s.p.a., vigente all’epoca di entrata in vigore del D.Lgs. n. 368 del 2001 (ed al quale pertanto si applica il citato art. 11), prevede, all’art. 74, comma 1, che la data di scadenza del contratto stesso è fissata al 31 dicembre 2001;

che da ciò consegue che i contratti a termine stipulati successivamente a tale data non possono rientrare nella disciplina transitoria prevista dal D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 11, e sono interamente soggetti al nuovo regime normativo, senza che possa invocarsi l’ultrattività delle pregresse disposizioni per il periodo di vacanza contrattuale collettiva, ponendosi tale soluzione in contrasto con il principio secondo il quale i contratti collettivi di diritto comune operano esclusivamente entro l’ambito temporale concordato dalle parti;

che la sentenza impugnata nel valutare la legittimità del contratto a termine sulla base del presupposto dell’ultrattività della disciplina collettiva stipulata in base alla L. n. 56 del 1987, art. 23, ultrattività derivante dal D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 11, comma 2, non ha fatto corretta applicazione dei suddetti principi;

che, pertanto, il ricorso va accolto, con assorbimento degli ulteriori profili di doglianza ivi espressi e cassazione della sentenza impugnata con rinvio, anche per le spese, alla Corte d’appello di Roma in diversa composizione, che si atterrà al seguente principio di diritto:

“I contratti a termine stipulati successivamente alla data di scadenza (31 dicembre 2001) del C.C.N.L. 11 gennaio 2001 del personale non dirigente di Poste italiane s.p.a. non rientrano nella disciplina transitoria prevista dal D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 11, e sono interamente assoggettati al nuovo regime normativo di cui al D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 11”.

PQM

 

accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’appello di Roma in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Adunanza Camerale, il 27 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 4 settembre 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA