Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2070 del 25/01/2022

Cassazione civile sez. VI, 25/01/2022, (ud. 14/12/2021, dep. 25/01/2022), n.2070

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCODITTI Enrico – Presidente –

Dott. FIECCONI Francesca – Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere –

Dott. VALLE Cristiano – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 14316-2020 proposto da:

FUSIS SRL, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la

CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentata e difesa dagli

avvocati ENRICO LA VIA, FERRUCCIO ORLANDI;

– ricorrente –

contro

CONDOMINIO (OMISSIS), sito in (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA,

PIAZZA CAVOUR, presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE,

rappresentato e difeso dall’avvocato ROBERTO MAZZETTI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 7/2020 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA,

depositata il 02/01/2020;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 14/12/2021 dal Consigliere Relatore Dott. GIUSEPPE

CRICENTI.

 

Fatto

RITENUTO

che:

1. -Il Condominio (OMISSIS) (di via (OMISSIS)), ha subito danni dai lavori effettuati sull’immobile adiacente lì suo dalla società Fusis srl, proprietaria della costruzione confinante, e che aveva dato in appalto ad un’impresa di costruzione la demolizione e ricostruzione del proprio immobile. Il condominio ha chiesto il risarcimento dei danni a vario titolo: sia in base al contratto di appalto, in cui la Fusis srl era committente dei lavori di demolizione e ricostruzione del proprio immobile, sia in base agli artt. 2049 e 2050 c.c., sia per responsabilità da rovina di edificio ex art. 2053 c.c..

Giudice di primo grado ha qualificato la domanda come di responsabilità da appalto, ma ha ritenuto che non potesse condannarsi al risarcimento l’appaltante-committente in difetto di prova di una sua ingerenza nella esecuzione dei lavori.

Invece, il Giudice di appello ha ritenuto che non di responsabilità da appalto, bensì di responsabilità per rovina di edificio dovesse trattarsi, ed ha ritenuto dunque responsabile la convenuta, in quanto proprietaria dell’edificio da cui i danni sono provenuti.

3.-Ricorre qui quest’ultima, ossia la Fusis, srl con due motivi. Resiste con controricorso il Condominio.

Diritto

CONSIDERATO

che:

4. – Con atto del 22 novembre 2021, la Fusis srl, premesso di aver raggiunto un accordo con la controparte, formalizzato in un atto di transazione, ha depositato rinuncia agli atti, con annessa accettazione della controparte.

P.Q.M.

La corte dichiara l’estinzione del procedimento. Nulla spese.

Così deciso in Roma, il 14 dicembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 25 gennaio 2022

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA