Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20669 del 31/08/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 31/08/2017, (ud. 12/06/2017, dep.31/08/2017),  n. 20669

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:

L.S. e T.R., elettivamente domiciliati in

Roma viale Bruno Buozzi 36, presso l’avv. Carlo Martuccelli che li

rappresenta e difende, per mandato a margine del ricorso;

– ricorrente –

nei confronti di:

Fallimento (OMISSIS) s.a.s.;

– intimato –

Per la correzione degli errori materiali contenuti nella ordinanza n.

20119/16 della Corte di Cassazione, emessa il 9 maggio 2016 e

depositata il 7 ottobre 2016, n. R.G. 23400/14;

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che nell’ordinanza n. 20119/16, citata in epigrafe, di questa Corte è stata indicata per mero errore materiale come autorità giudiziaria che ha emanato il decreto oggetto dell’impugnazione per cassazione la Corte di appello di Napoli anzichè il Tribunale di Napoli sezione fallimentare;

ritenuto che tale errore può essere corretto con il procedimento di correzione degli errori materiali di cui agli artt. 287 e 288 c.p.c..

PQM

 

La Corte dispone la sostituzione delle parole “Corte di appello di Napoli” con “Tribunale di Napoli, sezione fallimentare” nella epigrafe, nel punto 11 della motivazione e nel dispositivo.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 12 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 31 agosto 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA