Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20614 del 07/10/2011

Cassazione civile sez. III, 07/10/2011, (ud. 21/06/2011, dep. 07/10/2011), n.20614

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FILADORO Camillo – Presidente –

Dott. UCCELLA Fulvio – rel. Consigliere –

Dott. SPAGNA MUSSO Bruno – Consigliere –

Dott. CHIARINI Maria Margherita – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Adelaide – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

C.R.L. (OMISSIS), elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA DELLE FORNACI 44, presso lo studio

dell’avvocato VERGANO ARNALDO, che lo rappresenta e difende

unitamente all’avvocato GASPARINETTI FRANCESCO giusta delega a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

B.M. (OMISSIS), B.F., elettivamente

domiciliati in ROMA, VIA G.ANTONELLI 4, presso lo studio

dell’avvocato DI IENNO ENRICO, rappresentati e difesi dagli avvocati

BONACCORSI DI PATTI DOMENICO, PONTI LUCA giusta delega a margine del

controricorso;

– controricorrenti –

e contro

P.O.;

– Intimato –

avverso la sentenza n. 4 61/2008 della CORTE D’APPELLO di TRIESTE,

SEZIONE SECONDA CIVILE, emessa il 01/10/2008, depositata il

15/11/2008 R.G.N. 700/06;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

21/06/2011 dal Consigliere Dott. FULVIO UCCELLA;

udito l’Avvocato GASPARINETTI FRANCESCO;

udito l’Avvocato BONACCORSI DI PATTI DOMENICO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CICCOLO Pasquale Paolo Maria che ha concluso con l’inammissibilità o

rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il 29 settembre 2006 il Tribunale di Tolmezzo rigettava per difetto di prova la domanda proposta da C.R.L. nei confronti degli eredi di B.A., volta ad ottenere la condanna degli stessi al pagamento di L. 85.178.143, quale credito, oltre spese legali, che egli avrebbe vantato nei confronti del de cujus e da questi, a suo tempo, riconosciuto, oppure, ed in subordine, alla somma di L. cinquanta milioni, atteso che era stata rinvenuta una quietanza di identico importo rilasciata dalla Gemonese Bevande, nei confronti della quale era stata instaurata una inutile procedura giudiziale di recupero del credito, perchè il de cujus gli aveva promesso di versargli il ricavato del debito dalla Gemonese contratto. Su gravame del C. la Corte di appello di Trento il 15 novembre 2008 confermava, con parzialmente diversa motivazione, la sentenza di primo grado.

Avverso siffatta decisione propone ricorso per cassazione il C., affidandosi ad un unico articolato motivo. Resistono con controricorso B.M. in proprio e nella qualità di eredi di B.A. e B.F., nella qualità di erede di quest’ultimo. Il C. ha depositato memoria.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. – Va preliminarmente posto in rilievo che il ricorso non è inammissibile come eccepiscono i resistenti. Infatti, le deduzioni relative al riconoscimento del diritto da parte di colui contro il quale il diritto stesso può essere fatto favore sono rivolte alla ricostruzione di un fatto e non all’applicazione di specifiche norme di diritto e, quindi, la decisione del giudice del merito è sindacabile in sede di legittimità sotto il profilo della correttezza logica e giudica della motivazione. 2. – Ciò precisato, con l’unico motivo, proposto sotto un duplice profilo, il ricorrente lamenta che il giudice dell’appello non avrebbe valutato adeguatamente sia i fatti costitutivi del riconoscimento del diritto per gli effetti di cui all’art. 2944 c.c., attestati dai fatti, atti e documenti indicati sia ai fini dell’art. 2937 c.c.. Al riguardo, il Collegio osserva quanto segue. L’unico ed articolato motivo, così come formulato, risulta corredato dalla integrale riproduzione di alcuni atti (verbale di prima udienza avanti al Tribunale di Tolmezzo; verbale del 1 ottobre 2003, relativo alla deposizione dell’avv. Turrin e all’interrogatorio formale deferito a B. M.; ricorso per decreto ingiuntivo della avv. Adelchi Burelli & c. s.n.c. del 30 dicembre 1996; atto di citazione in opposizione a decreto ingiuntivo della Gemonese Bevande s.r.l., notificato il 24 febbraio 1997; comparsa di costituzione e risposta della società opposta datata 13 marzo 1997; memoria autorizzata per la Gemonese Bevande, datata 6 maggio 1997; note autorizzate della società opposta, datate 18 aprile 1997; sentenza del Tribunale di Tolezzo che decideva sulla opposizione; scrittura privata tra i B.A. e M. e C., S., P. del 6 febbraio 1986;

lettera dell’avv. Paola Giorgi all’avv. Turrin e lettera di risposta di questi).

Tale modalità equivale, in sostanza, ad un mero rinvio agli atti di causa e viola, di conseguenza, il principio di autosufficienza del ricorso (Cass. S.U. n. 19255/10; Cass. N. 5836/11, per implicito).

Ne consegue che il ricorso è inammissibile e il ricorrente va condannato al pagamento delle spese processuali in favore delle parti costituite, che vanno liquidate come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento a favore di ciascuna delle parti costituite delle spese del presente giudizio di cassazione, che si liquidano in Euro 2.700,00, di cui Euro 200,00 per spese, oltre spese generali ed accessori come per legge.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 21 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 7 ottobre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA