Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20594 del 30/08/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 30/08/2017, (ud. 16/05/2017, dep.30/08/2017),  n. 20594

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRONZINI Giuseppe – Presidente –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. DE GREGORIO Federico – Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18821/2012 proposto da:

COOPERATIVA SOCIALE QUADRIFOGLIO S.C. ONLUS, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

LIVORNO 51, presso lo studio dell’avvocato PAOLO PERFETTI,

rappresentata e difesa dagli avvocati MARCO NOVARA, MASSIMILIANO

GENCO, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

P.M., elettivamente domiciliata in ROMA, LARGO TRIONFALE

7, presso lo studio dell’avvocato STEFANO FIORINI, rappresentata e

difesa dall’avvocato GABRIELE SILVETTI, giusta delega in atti;

– controricorrente –

e contro

COOPERATIVA SOCIALE AGORA’ SAN CARLO BORROMEO ONLUS;

– intimata –

avverso la sentenza n. 408/2012 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 27/04/2012 R.G.N. 614/2011.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Considerato che la Corte d’Appello di L’Aquila, con sentenza in data 25/05/2012, in riforma della sentenza del Tribunale di Pescara n. 1/2011 ha dichiarato il diritto di P.M. ad essere assunta a tempo indeterminato e pieno presso la Cooperativa Sociale Quadrifoglio S.C. – Onlus, con inquadramento nel livello E1 del c.c.n.l. per le cooperative sociali del 30/07/2008, e per effetto di tale statuizione ha condannato la Cooperativa Sociale Quadrifoglio S.C. a corrispondere alla dipendente il risarcimento del danno sofferto per le differenze retributive maturate dalla data di effettiva utilizzazione fino alla presa di servizio, con rivalutazione e interessi nel frattempo maturati detratto l’aliunde perceptum e ricostruzione della posizione contributiva;

Che entro i termini di legge è pervenuto a questa Corte un atto di rinuncia al ricorso ai sensi dell’art. 390 c.p.c., sottoscritto dalle parti e dai loro legali rappresentanti, col quale si dà atto che avendo le stesse conciliato ogni reciproco rapporto concernente il presente giudizio, non hanno più interesse alla sua prosecuzione.

Che stante l’intervenuta accettazione della rinuncia nulla occorre provvedere sulle spese.

PQM

 

La Corte dichiara estinto il giudizio.

Così deciso in Roma, nell’Udienza Camerale, il 16 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 30 agosto 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA