Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20585 del 07/10/2011

Cassazione civile sez. trib., 07/10/2011, (ud. 21/04/2011, dep. 07/10/2011), n.20585

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PARMEGGIANI Carlo – Presidente –

Dott. POLICHETTI Renato – rel. Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

Dott. CARACCIOLO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato, che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO PANNO Renato ed Ennio s.n.c.;

– intimato –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Calabria n. 99/01/05, depositata il 5 ottobre 2005.

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 21

aprile 2011 dal Relatore Cons. Renato Polichetti;

udito l’Avvocato dello Stato Paola Maria Zerman per la ricorrente;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.

SEPE Ennio Attilio, il quale ha concluso per l’accoglimento del

ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

L’Agenzia delle entrate propone ricorso per cassazione avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della Calabria indicata in epigrafe, con la quale è stata confermata l’illegittimità della cartella di pagamento emessa nei confronti del Fallimento della Panno Renato ed Ennio s.n.c. a titolo di IVA relativa agli anni 1987 e 1989.

Il giudice a quo, premesso che l’appello dell’Ufficio concerneva l’anno 1989, in relazione al quale si insisteva per la tempestività dell’iscrizione a ruolo, avvenuta il 25 settembre 2000, ha invece ritenuto che detta iscrizione fosse stata effettuata “oltre il termine di decadenza D.P.R. n. 602 del 1973, ex art. 17 e, cioè, oltre il 31/12/1999, termine ultimo per esigere l’imposta per l’anno 1989, scaturito da precedente accertamento resosi definitivo con la sentenza della CTP di Cosenza n. 50/1/1997, notificata il 6/4/1998 e non appellata nei sessanta giorni successivi”.

Il contribuente non si è costituito.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

Con l’unico motivo formulato, la ricorrente, denunciando “violazione e/o falsa applicazione del D.P.R. n. 602, 1973, art. 17, comma 1, come modificato dal D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 6”, nonchè omessa e insufficiente motivazione su un punto decisivo della controversia, censura la sentenza impugnata per avere il giudice a quo “erroneamente ritenuto che l’Ufficio era incorso nella decadenza dalla potestà di iscrivere a ruolo l’imposta di cui all’accertamento relativo all’anno 1987”: sostiene al riguardo che tale accertamento era stato riconosciuto legittimo con sentenza, passata in giudicato, depositata il 30 luglio 2001, cioè dopo che l’iscrizione a ruolo era stata già effettuata, con esclusione, quindi, di ogni decadenza.

Il motivo è inammissibile.

Come detto in narrativa, la sentenza impugnata si occupa esclusivamente della tempestività dell’iscrizione a ruolo dell’imposta relativa all’anno 1989 (costituente – come afferma espressamente il giudice d’appello – l’unico oggetto del gravame dell’Ufficio) ed ignora del tutto, coerentemente, le anzidette vicende processuali attinenti all’accertamento per il 1987.

Ne consegue che il ricorso concerne questione completamente estranea al thema decidendum della sentenza impugnata, senza che la ricorrente, d’altra parte, proponga alcuna denuncia di violazione dell’art. 112 cod. proc. civ., contestando (nel rispetto del principio di autosufficienza) l’omissione di pronuncia su motivo di appello.

In conclusione, il ricorso deve essere rigettato.

Non v’è luogo a provvedere sulle spese, in assenza di svolgimento di attività difensiva da parte del fallimento intimato.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, il 21 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 7 ottobre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA