Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20576 del 07/10/2011

Cassazione civile sez. trib., 07/10/2011, (ud. 10/03/2011, dep. 07/10/2011), n.20576

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PARMEGGIANI Carlo – Presidente –

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Consigliere –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. POLICHETTI Renato – rel. Consigliere –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 15575-2006 proposto da:

C.G., elettivamente domiciliato in ROMA VIA

FEDERICO CONFALONIERI 5, presso lo studio dell’avvocato MANZI LUIGI,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato MACCAGNANI

GIOVANNI, giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E FINANZE in persona del Ministro pro

tempore, AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliati in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che li rappresenta e difende ope

legis;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 131/2004 della COMM. TRIB. REG. SEZ. DIST. di

VERONA, depositata il 19/04/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

10/03/2011 dal Consigliere Dott. RENATO POLICHETTI;

udito per il ricorrente l’Avvocato COGLITORE, per delega Avvocato

MANZI, che ha chiesto l’accoglimento;

udito per il resistente l’Avvocato TIDORE, che ha chiesto il rigetto;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SORRENTINO Federico che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

C.G. propone ricorso per cassazione, con due motivi, nei confronti del Ministero della Economia e delle Finanze e della agenzia delle Entrate, avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Veneto n. 131/5/04 in data 14-12-2004, depositata in data 19-4-2005, che in riforma della sentenza di primo grado della CTP di Verona ha confermato l’avviso di accertamento per IRPEF 1993 a carico del contribuente, con il quale gli veniva attribuito in proporzione alla partecipazione sociale, il maggior reddito accertato per tale periodo di imposta nei confronti della Società Metal Group s.r.l., società a ristretta base azionaria (due soci).

Il Ministero e la Agenzia resistono con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Preliminarmente deve essere dichiarata la inammissibilità del ricorso nei confronti del Ministero, e del relativo controricorso, in quanto questo non era parte del giudizio di merito.

Spese compensate, per la incertezza giurisprudenziale all’epoca sussistente.

Con il primo motivo il contribuente deduce violazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 38, comma 3 e D.P.R. n. 917 del 1986, art. 45 sostenendo che l’accertamento deve fondarsi su presunzioni gravi, precise e concordanti, ed il complesso degli elementi considerati a tal fine dalla CTR (definitività degli accertamenti a carico della società, ristretta base azionaria, qualifica di amministratore da parte del ricorrente, assenza di prova contraria da parte di questi) non avevano tale valenza, non tenendo conto che esso C. era un prestanome come risultava da sentenza penale passata in giudicato, e pertanto non aveva reale potere nell’ambito societario.

Con il secondo motivo deduce sotto altro profilo violazione del D.P.R. n. 917 del 1986, art. 45 in quanto i costi ritenuti indeducibili dalla società, da cui la elevazione del reddito di questa da cui prendeva le mosse l’accertamento di cui è causa, erano dipendenti da operazioni soggettivamente, e non oggettivamente inesistenti, per cui costi erano stati effettivamente sostenuti, e quindi potevano essere dedotti.

Il primo motivo è inammissibile, in quanto deducendo violazione di legge in concreto si limita a censurare non già una inosservanza dei precetti enunciati in epigrafe del motivo da parte della sentenza impugnata, bensì la valutazione della gravità e della concludenza degli elementi di prova operata dalla CTR con giudizio di fatto non censurabile in questa sede se non ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, e per di più sulla base di elementi anche in tal senso inammissibili, in quanto non menzionati nella sentenza impugnata, ed enunciati in modo generico e carente di autosufficienza.

Anche il secondo mezzo è inammissibile, in quanto svolge osservazioni peraltro ugualmente prive di autosufficienza sulla natura e tipologia delle operazioni sociali ritenute inesistenti che non risultano menzionate nelle sentenza, ed in ordine alla quali non prova nè di avere svolto a tale proposito motivo di appello, nè deduce violazione dell’art. 112 c.p.c. il ricorso è pertanto infondato. Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso nei confronti del Ministero e compensa le relative spese; rigetta il ricorso nei confronti della Agenzia, e condanna il ricorrente alle spese, che liquida in Euro 5.000. oltre spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 10 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 7 ottobre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA