Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20566 del 30/08/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 30/08/2017, (ud. 16/06/2017, dep.30/08/2017),  n. 20566

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente –

Dott. ORILIA Lorenzo – rel. Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 28915-2016 proposto da:

Z.T., elettivamente domiciliata in ROMA, LUNGOTEVERE

PIETRA PAPA 185, presso lo studio dell’avvocato SIMONA DONATI,

rappresentata e difesa dall’avvocato MARCO MOCELLA;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, (OMISSIS);

– intimato –

Per la correzione di errore materiale della sentenza n. 7957/2012

della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, depositata il 18/05/2012;

udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 16/06/2017

dal Consigliere Dott. LORENZO ORILIA.

Fatto

FATTO E DIRITTO

1 rilevato che viene chiesta la correzione dell’errore materiale della sentenza n. 7957/2012 di questa Corte per mancata indicazione della distrazione delle spese in favore del difensore richiedente;

2 ritenuto che trattasi di classico errore materiale e che pertanto il rimedio esperibile è la correzione (tra le varie, Sez. 6 – 3, Ordinanza n. 12437 del 17/05/2017 Rv. 644292; Sez. U, Sentenza n. 16037 del 07/07/2010 Rv. 613868);

che pertanto va disposta la correzione come da proposta del relatore.

PQM

 

La Corte ordina la correzione della sentenza di questa Corte n. 7957/2012 aggiungendosi a pag. 4 sia in motivazione (punto 7 parte finale) che in dispositivo (parte finale) “con distrazione in favore dell’avv. Mocella anticipatario”.

Manda alla Cancelleria per le prescritte annotazioni.

Così deciso in Roma, il 16 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 30 agosto 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA