Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2055 del 29/01/2010

Cassazione civile sez. III, 29/01/2010, (ud. 09/12/2009, dep. 29/01/2010), n.2055

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VARRONE Michele – Presidente –

Dott. FEDERICO Giovanni – Consigliere –

Dott. CALABRESE Donato – Consigliere –

Dott. VIVALDI Roberta – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 14434-2005 proposto da:

C.G. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la Cancelleria della CORTE DI CASSAZIONE,

rappresentato e difeso dagli avvocati ALFANO AGOSTINO, FATTORUSO

RAFFAELE con delega a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

ACQUEDOTTO VESUVIANO SPA, in persona del Direttore Responsabile Ing.

P.S. elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR 3,

presso lo studio dell’avvocato CICALA ANDREA, rappresentato e difeso

dall’avvocato BUONAJUTO RENATO con delega in calce al controricorso;

– controricorrenteemessa il 1/10/2004 –

avverso la sentenza n. 2024/2004 del GIUDICE DI PACE di PORTICI,

emessa e depositata il 01/10/2004; R.G.N. 807/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

09/12/2009 dal Consigliere Dott. ANGELO SPIRITO;

udito l’Avvocato RENATO BONAJUTO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

IANNELLI Domenico che ha concluso per la inammissibilità per

tardività.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il C. propone ricorso per cassazione avverso la sentenza con la quale il giudice di pace di Portici ha respinto l’opposizione da lui proposta avverso il decreto ingiuntivo emesso in favore dell’Acquedotto Vesuviano. Il ricorso è svolto in tre motivi.

Resiste con controricorso l’Acquedotto Vesuviano.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso è inammissibile.

Esso risulta notificato in data 23 maggio 2005, sul presupposto che la sentenza impugnata sia stata notificata al ricorrente in data 23 marzo 2005. Tuttavia, come eccepisce il resistente, è dato accertare in atti che il C. propose appello avverso la sentenza di rigetto dell’opposizione al decreto ingiuntivo, con atto notificato il 26 gennaio 2005. Sicchè, occorre fare applicazione del consolidato principio in ragione del quale la notificazione dell’impugnazione equivale – agli effetti della scienza legale – alla notificazione della sentenza oggetto di impugnazione. Da ciò consegue che, ove il soccombente in primo grado proponga, avverso la relativa sentenza non notificata, una prima impugnazione davanti al giudice di appello, e, successivamente, ritenendo la medesima sentenza ricorribile soltanto per cassazione, una seconda impugnazione mediante ricorso in sede di legittimità, quest’ultimo, in tanto può essere ritenuto ammissibile e tempestivo, in quanto sia proposto entro il termine breve decorrente dalla notificazione dell’originario atto di appello (Cass. 22 ottobre 2003, n. 15797).

L’impugnazione in esame risulta, dunque, tardiva.

Il ricorrente deve essere condannato a rivalere la controparte delle spese sopportate nel giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che liquida in complessivi Euro 800,00, di cui Euro 600,00 per onorari, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 9 febbraio 2009.

Depositato in Cancelleria il 29 gennaio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA