Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20538 del 12/10/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. trib., 12/10/2016, (ud. 04/10/2016, dep. 12/10/2016), n.20538

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BOTTA Raffaele – rel. Presidente –

Dott. DE MASI Oronzo – Consigliere –

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Consigliere –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma,, via dei Portoghesi 12, presso

l’avvocatura Generale dello Stato che la rappresenta e difende per

legge;

– ricorrente –

contro

Delpino S.p.A., in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso l’avv. Maria

Antonelli, che la rappresenta e difende giusta delega a margine del

controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della

Liguria (Genova), Sez. 2, n. 65/2/13 del 25 marzo 2013, depositata

il 26 settembre 2013, non notificata;

Udita la relazione svolta nella Pubblica Udienza del 4 ottobre 2016

dal Presidente e Relatore Raffaele Botta;

Udito l’avv. Giovanni Palatiello per l’Avvocatura Generale dello

Stato;

Udito il P.M., nella persona del sostituto Procuratore Generale Dott.

GIACALONE Giovanni, che ha concluso per la dichiarazione di

estinzione del processo per rinuncia.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Letto il ricorso che concerne l’impugnazione di un avviso di accertamento ai fini IVA per l’anno (OMISSIS) in relazione all’applicazione del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 2, comma 3, lett. a), (bonus qualitativi in favore dei concessionari di automobili);

Letto il controricorso;

Vista la richiesta di rinuncia al ricorso fatta pervenire a questa Corte dalla Direzione provinciale della Liguria dell’Agenzia delle entrate, con la quale l’Ufficio, premesso di aver provveduto in autotutela a definire l’intera complessa controversia con la società contribuente relativa a più anni d’imposta, dichiara di rinunciare anche al presente giudizio pendente innanzi a questa Corte e chiamato per l’odierna udienza, chiedendo che sia disposta la compensazione le spese;

Vista la conseguente istanza di rinuncia al ricorso depositata in data 23 settembre 2016 dall’Avvocatura Generale dello Stato;

Ritenuto la richiesta compensazione delle spese possa essere disposta in ragione sia della mancanza di una specifica opposizione di parte contribuente, sia in relazione alle modalità di definizione della controversia e all’autonomo annullamento del collegato avviso di irrogazione sanzioni pur in presenza di sentenza favorevole all’Ufficio.

PQM

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Dichiara estinto il processo per rinuncia. Compensa le spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 4 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 12 ottobre 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA