Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20533 del 06/10/2011

Cassazione civile sez. I, 06/10/2011, (ud. 20/07/2011, dep. 06/10/2011), n.20533

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CARNEVALE Corrado – Presidente –

Dott. PICCININNI Carlo – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – rel. Consigliere –

Dott. CULTRERA Maria Rosaria – Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

C.G., C.M.C., C.

L., C.C., quali eredi di CA.Gi., con

domicilio eletto in Roma, via Domiziano n. 9, presso l’Avv. Francesco

La Rocca, rappresentati e difesi dall’Avv. BREGLIA Gerardo, come da

procura in calce al ricorso;

– ricorrenti –

contro

F.P., con domicilio eletto in Roma, Viale Giulio Cesare

n. 49, presso l’Avv. Mario Cesareo, rappresentata e difesa dall’Avv.

CASTRONUOVO Michele, come da procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

e contro

D.M.F., fallito, in persona del curatore pro tempore;

– intimato –

per la cassazione della sentenza della Corte d’appello di Potenza n.

156/08 depositata il 2 luglio 2008.

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

giorno 20 luglio 2011 dal Consigliere relatore Dott. Vittorio

Zanichelli;

sentite le richieste del P.M., in persona del Sostituto Procuratore

Generale Dott. PATRONE Ignazio, che ha concluso per

l’inammissibilità o comunque il rigetto del ricorso;

udito l’Avv. Francesco La Rocca per delega dell’Avv. Gerardo Breglia.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Gli eredi di Ca.Gi. ricorrono per la cassazione della sentenza della Corte d’appello di Potenza che ha rigettato l’impugnazione proposta dalla loro dante causa avverso la sentenza con la quale il Tribunale di Lagonegro, adito dalla Ca., aveva respinto per l’impossibilità di individuazione del bene, la sua domanda volta ad ottenere da parte di D.M.F., poi fallito, la consegna di un locale da adibire a garage già oggetto, unitamente a locali ad uso abitazione, di una pronuncia ex art. 2932 c.c., dello stesso Tribunale.

A sostegno del ricorso viene proposto un unico motivo con il quale si deduce violazione degli artt. 1472 e 2646 bis c.c., addebitandosi al giudice a quo di avere erroneamente ritenuto non esistente il bene immobile oggetto della sentenza emessa ex art. 2932 c.c..

Resiste con controricorso l’intimata F.P., proprietaria dell’immobile oggetto del giudizio mentre non ha proposto difesa la curatela del fallimento del D.M..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

L’unico motivo con il quale si deduce violazione degli artt. 1472 e 2646 bis c.c., addebitandosi al giudice del merito di avere erroneamente ritenuto che il bene di proprietà della F. costituito da locali edificati al di sotto dell’abitazione della Ca. non potesse identificarsi con il garage promesso in vendita dal D.M. e poi trasferito dal Tribunale è inammissibile per l’inidoneità del quesito dal momento che con lo stesso si da per ammesso ciò che invece la Corte d’appello non ha riconosciuto e cioè che fosse possibile procedere all’identificazione dell’immobile promesso in vendita con quello poi realizzato.

In realtà nessuna violazione di legge è ipotizzabile nella fattispecie ma, in ipotesi, un errore di valutazione degli elementi concreti in atti che si assumono tali da consentire l’identificazione richiesta. Tale errore avrebbe dovuto essere allora censurato sotto il profilo dell’incongruità o illogicità della motivazione sul fatto controverso indicato, previa specifica individuazione del medesimo ex art. 366 bis c.p.c., nella specie del tutto carente.

Le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

la Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna i ricorrenti alla rifusione delle spese che liquida in complessivi Euro 800,00 di cui Euro 600,00 per onorari, oltre spese generali e accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 20 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 6 ottobre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA