Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20526 del 30/07/2019

Cassazione civile sez. lav., 30/07/2019, (ud. 10/07/2019, dep. 30/07/2019), n.20526

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – rel. Consigliere –

Dott. DE MARINIS Nicola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 15135/2014 proposto da:

EDIL MERIDIONALE S.N.C., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA MAZZINI 8, presso

lo studio dell’avvocato VINCENZO VETERE, che la rappresenta e

difende;

– ricorrente –

contro

I.N.A.I.L. – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI

INFORTUNI SUL LAVORO, I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA

SOCIALE, EQUITALIA ETR S.p.A;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1716/2013 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO,

depositata il 30/12/2013 R.G.N. 1362/2009.

Fatto

RILEVATO

che:

con sentenza n. 1716 del 2013, la Corte d’appello di Catanzaro, decidendo l’impugnazione proposta in via principale dall’Inail ed in via incidentale dall’Inps nei confronti di Edil Mediterranea s.n.c. di F. e V. e di Equitalia E.t.r. s.p.a., avverso la sentenza del Tribunale Giudice del lavoro di Cosenza di accoglimento delle opposizioni a cartelle proposte dalla detta società, ha riformato in parte la sentenza di primo grado ritenendo che gli enti previdenziali non erano incorsi in decadenza in ordine alla richiesta di prova e che, quindi, dato corso all’istruttoria era emersa la parziale fondatezza delle tesi sostenute dagli enti nei verbali ispettivi posti a fondamento dell’iscrizione a ruolo relativamente ad omessa contribuzione derivante da incompleta denuncia delle retribuzioni erogate; pertanto, la Corte territoriale ha rigettato l’opposizione alla cartella n. (OMISSIS), quanto ai contributi Inps per gli anni 1997 e 1998, ed ha dichiarato non dovuti i contributi pretesi per gli anni 1996, 1999, 2000 e 2001, ha rigettato l’opposizione alla cartella n. (OMISSIS) relativa ai contributi Inps per gli anni 1998 e 2000 e l’opposizione alla cartella n. (OMISSIS) con esclusione della somma di Euro 314,16, relativa a premi per l’anno 1996 che ha dichiarato non dovuta per difetto di prova della erogazione delle maggiori somme a titolo retributivo per scatti di anzianità, indicate in verbale ispettivo a favore di due lavoratori;

avverso tale sentenza ricorre Edil Meridionale s.n.c. di F. e V. con due motivi: 1) violazione e o falsa applicazione del D.Lgs. n. 46 del 1999, art. 24 e dell’art. 416 c.p.c.; la) omessa e comunque insufficiente motivazione della sentenza circa un fatto controverso per il giudizio che si ravvisa nella circostanza che l’accertamento ispettivo era stato eseguito nei confronti della società Astra s.r.l. e non della ricorrente e che erano stati sentiti i lavoratori della sola Astra s.r.l.; 2) violazione dell’art. 2697 e dell’art. 2700 c.c. per aver la sentenza in concreto attribuito fede privilegiata al verbale redatto dagli ispettori anche in ordine alla veridicità delle dichiarazioni rese dai lavoratori sentiti e senza considerare tutte le risultanze istruttorie;

Inps, Inail ed Equitalia E.T.R. s.p.a. non hanno svolto attività difensive; considerato che:

non vi è prova che il ricorso per cassazione sia stato notificato alle parti, intimate nonostante l’annotazione della cancelleria, secondo la quale tale notifica sarebbe avvenuta in data 14 aprile 2014;

il Collegio dà atto che, nel fascicolo d’ufficio, risulta depositato l’originale del ricorso per cassazione privo di notificazione al quale è spillata la copia della sentenza impugnata munita di relata di notifica effettuata a richiesta dell’Inail all’avvocato Ugo Vetere (presso il domiciliatario avvocato Sergio Rotundo quale procuratore della odierna ricorrente) appunto in data 14 aprile, al procuratore di Equitalia E.T.R. s.p.a. (a mezzo servizio potale) ed a quello dell’Inps;

inoltre, la nota di deposito del ricorso per cassazione sottoscritta dal difensore non contiene alcuna indicazione, negli appositi spazi, circa le date di presentazione e di notifica del ricorso per cassazione;

dunque, mancando del tutto la prova dell’avvenuto perfezionamento del procedimento notificatorio, è carente la prova della effettiva costituzione del contraddittorio;

a ciò consegue – secondo la consolidata giurisprudenza di questa Corte (a partire da Cass. Sez. U. n. 627/2008, seguita da numerose altre, tra cui Cass. n. 9453/2011 e Cass. n. 14780/2014) – che, ha ritenuto quale termine utile massimo possibile (stabilito, da ultimo, con il punto 2) del protocollo d’intesa tra la Corte di cassazione, il CNF e l’Avvocatura generale dello Stato sull’applicazione del nuovo rito civile del 15 dicembre 2016 con il termine previsto per il deposito delle memorie e, comunque, non oltre l’orario fissato per l’inizio della relativa adunanza camerale) ed in assenza di attività difensiva da parte dell’intimato, che il ricorso per cassazione è da dichiararsi inammissibile (con effetto istantaneo ed irretrattabile), non essendo consentita la concessione di un termine per il deposito e non ricorrendo i presupposti per la rinnovazione della notificazione ai sensi dell’art. 291 c.p.c. (salva l’ipotesi eccezionale dell’eventuale rimessione in termini, che non ricorre, nè è stata invocata, nel giudizio in questione);

in definitiva, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile.

in difetto di costituzione delle parti intimate non vi è luogo a provvedere sulle spese della presente fase di legittimità;

bisogna dare atto della sussistenza delle condizioni – ai sensi della L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 1, comma 17, che ha aggiunto il D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 – quater – dell’obbligo di versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per l’impugnazione integralmente rigettata.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.Lgs. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della non sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 10 luglio 2019.

Depositato in Cancelleria il 30 luglio 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA