Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20524 del 03/08/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 1 Num. 20524 Anno 2018
Presidente: DI VIRGILIO ROSA MARIA
Relatore: TERRUSI FRANCESCO

sul ricorso 24119/2013 proposto da:

Intesa Sanpaolo S.p.a., in persona del legale rappresentante pro
tempore, elettivamente domiciliata in Roma, Viale di Villa Grazioli
n.15, presso lo studio dell’avvocato Gargani Benedetto, che la
rappresenta e difende, giusta procura a margine del ricorso;
-ricorrente contro

Curatela del Fallimento Bianchi Group S.r.l., in persona del Curatore
rag. Simonetta Bottacchiari, elettivamente domiciliata in Roma, Via

Data pubblicazione: 03/08/2018

Fallimento Intimo Bologna S.p.a., in persona del Curatore dott.
Marco Zanzi, elettivamente domiciliato in Roma, Lungotevere Mellini
n.7, presso lo studio dell’avvocato Zaccagnini Lucia, rappresentato
e difeso dall’avvocato Martinuzzi Gino, giusta procura in calce al
controricorso;

avverso la sentenza n. 673/2013 della CORTE D’APPELLO di
BOLOGNA, depositata il 15/05/2013;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
20/06/2018 dal cons. TERRUSI FRANCESCO.

Rilevato che:
Intesa Sanpaolo s.p.a. e Cassa di risparmio di Bologna s.p.a. ricorrono per
cassazione nei confronti della sentenza della corte d’appello di Bologna in
data 15-5-2013, che ha accolto un’azione revocatoria fallimentare di
versamenti e rimesse bancarie proposta dalla curatela del fallimento di
Intimo Bologna s.p.a.;
la curatela ha replicato con controricorso;
in prossimità dell’adunanza camerale le parti ricorrenti hanno depositato un
atto di rinuncia, previamente notificato;
alla rinuncia ha aderito il Fallimento controricorrente;
il processo è dunque estinto e non deve farsi luogo (art. 391 cod. proc. civ.)
alla pronuncia sulle spese;
p.q.m.
la Corte dichiara estinto il giudizio.
2

-controricorrente –

Deciso in Roma, nella camera di consiglio del 20 giungo 2018.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA