Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20523 del 30/07/2019

Cassazione civile sez. lav., 30/07/2019, (ud. 04/06/2019, dep. 30/07/2019), n.20523

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BALESTRIERI Federico – rel. Presidente –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. LORITO Matilde – Consigliere –

Dott. BOGHETICH Elena – Consigliere –

Dott. DE MARINIS Nicola – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 13054/2018 proposto da:

L.A., elettivamente domiciliata in ROMA, CORSO RINASCIMENTO 11,

presso lo studio dell’avvocato AMINA LABBATE, rappresentata e difesa

dall’avvocato GIULIANO FINA;

– ricorrente –

contro

CASA DI CURA PRIVATA CITTA’ DI LECCE S.R.L., (ora CITTA’ DI LECCE

HOSPITAL GVM & RESEARCH S.R.L.), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA,

CIRCONVALLAZIONE CLODIA 86 PIANO 1 INT. 5, presso lo studio

dell’avvocato ROBERTO MARTIRE, che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2338/2017 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 09/10/2017 R.G.N. 681//2017;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

04/06/2019 dal Consigliere Dott. FEDERICO BALESTRIERI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CELENTANO Carmelo, che ha concluso per l’accoglimento del primo

motivo e assorbimento degli altri;

udito l’Avvocato GIULIANO FINA;

udito l’Avvocato MARTIRE ROBERTO.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso del 23.5.12 al Tribunale di Lecce, L.A. conveniva in giudizio la Casa di Cura Città di Lecce s.r.l., per la quale aveva lavorato come infermiera sino al suo licenziamento del 22.5.07.

Esponeva che il 26.4.07, dopo aver lavorato dalle ore 6,49 alle 19 circa, riceveva una telefonata del direttore infermieristico con cui era invitata a rientrare nella struttura ove le veniva contestato di aver lasciato il posto di lavoro prima delle 19 e che il suo cartellino era stato timbrato dalla collega M.A.. Le veniva dunque imputato di aver posto in essere, il 23 e 26 aprile, dei raggiri, insieme alla collega M., finalizzati a far risultare la presenza nel luogo di lavoro anche dopo l’uscita dallo stesso. Successivamente le venivano contestati analoghi episodi accaduti l’11, il 17 ed il 22 aprile.

Lamentava di essere stata licenziata con atto privo dei motivi del recesso e comunque senza il rispetto delle regole procedimentali di cui alla L. n. 300 del 1970, art. 7, negando comunque i fatti contestati.

Il Tribunale rigettava il ricorso ritenendo prescritto il diritto della L. ad impugnare il licenziamento.

Proponeva appello la L.; resisteva la Casa di Cura.

Con sentenza depositata il 9.10.17, la Corte d’appello di Lecce, pur ritenendo non prescritto il diritto della L. ad impugnare il licenziamento, rigettava nel merito il gravame, avendo accertato la sussistenza dei fatti contestati e la loro riconducibilità all’ipotesi di licenziamento per giusta causa di cui all’art. 41 del c.c.n.l. di categoria. Per la cassazione di tale sentenza propone ricorso la L., affidato a quattro motivi. Resiste la Casa di Cura con controricorso.

La L. ha presentato memoria ex art. 378 c.p.c..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1.- Con il primo motivo la ricorrente denuncia la violazione e/o falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c., per non avere la sentenza impugnata minimamente esaminato la devoluta questione della violazione della procedura disciplinare di cui alla L. n. 300 del 1970, art. 7, sotto vari profili tra cui l’ampliamento, rispetto alla contestazione disciplinare, dei fatti addebitati, la violazione del suo diritto di difesa, oltre che degli artt. 2104 e 2106 c.c..

Il motivo è fondato ed assorbe l’intero ricorso.

Ed invero dalla stessa sentenza impugnata risulta che la L., nel suo atto di gravame, “ribadiva tutte le eccezioni già sollevate circa la violazione delle norme procedurali previste dalla legge” in materia di irrogazione del licenziamento disciplinare, senza tuttavia minimamente esaminarle, avendo solo escluso il verificarsi della prescrizione del diritto ad impugnare il licenziamento ed accertato, nel merito, la sussistenza delle violazioni contestate.

Il primo motivo di ricorso deve essere pertanto accolto, con conseguente cassazione della sentenza impugnata sul punto e rinvio ad altro giudice, in dispositivo indicato per l’ulteriore esame della controversia in relazione alla censura accolta, oltre che per la regolazione delle spese, ivi comprese quelle inerenti il presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo di ricorso e dichiara assorbiti i restanti. Cassa la sentenza impugnata in relazione alla censura accolta e rinvia, anche per la regolazione delle spese, alla Corte d’appello di Bari.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 4 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 30 luglio 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA