Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20506 del 06/10/2011

Cassazione civile sez. I, 06/10/2011, (ud. 17/05/2011, dep. 06/10/2011), n.20506

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITRONE Ugo – Presidente –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – rel. Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 30408/2006 proposto da:

R.S., nella qualità di procuratore speciale di R.

R. e F.F., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA G.

G. BELLI 36, presso l’avvocato DEI ROSSI Dino, che lo rappresenta e

difende unitamente all’avvocato MARCHESE GIOVANNI, giusta procura a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

EDILCAPITAL S.R.L., già LAFER CHIOGGIA SPA, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

DURAZZO 9, presso l’avvocato SCAPATO Giuseppe, che la rappresenta e

difende unitamente agli avvocati RIZZI GIUSEPPE, MINELLI GIOVANNI,

giusta procura a margine del controricorso;

IMPRESA DOTT. ING. LUIGI SORDI S.P.A. (C.F. (OMISSIS)), già

COMPAGNIA ITALIANA COSTRUZIONI S.P.A., in persona del legale

rappresentante, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DI MONSERRATO

34, presso l’avvocato GOLINO SILVIA, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato VICARI DONATELLA, giusta procura a margine

del controricorso;

RIUNIONE ADRIATICA DI SICURTA’ S.P.A. (C.F. (OMISSIS)), in

persona dei legali rappresentanti pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA PANAMA 88, presso l’avvocato SPADAFORA

GIORGIO, che la rappresenta e difende, giusta procura a margine del

controricorso;

ASSICURATRICE EDILE S.P.A. COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI E

RIASSICURAZIONI (C.F. (OMISSIS)), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

PREVESA 11, presso l’avvocato SIGILLO’ ANTONIO, che la rappresenta e

difende unitamente all’avvocato ROVEDA GIOVANNI, giusta procura a

margine del controricorso;

– controricorrenti –

contro

PAVIMENTAL S.P.A., A.C., COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI

GENERALI S.P.A.;

– intimati –

contro

FONDIARIA SAI S.P.A. (C.F. (OMISSIS)), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

BISSOLATI 76, presso l’avvocato TOMMASO SPINELLI GIORDANO, che la

rappresenta e difende unitamente all’avvocato VINCENTI ALESSANDRO,

PICARDI ROBERTO, RIVELLESE NICOLA, giusta procura speciale per Notaio

Dott.ssa CLAUDIA GANGITANO di RHO – Rep. n. 4250 del 16.5.2011;

– resistente –

avverso la sentenza n. 1985/2005 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 04/08/2005;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

17/05/2011 dal Consigliere Dott. ANDREA SCALDAFERRI;

udito, per il ricorrente, l’Avvocato MARCHESE G. che ha chiesto

l’accoglimento del ricorso;

udito, per la controricorrente RAS, l’Avvocato MANGANELLO, con

delega, che ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito, per la controricorrente Assicuratrice Edile, l’Avvocato ROVEDA

che ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito, per la controricorrente Edilcapital, l’Avvocato SCAPATO che ha

chiesto il rigetto del ricorso;

udito, per la resistente Fondiaria, l’Avvocato VINCENTI (costituito

con procura speciale) che ha chiesto l’inammissibilità del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

APICE Umberto, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il Tribunale di Busto Arsizio, con sentenza del 20 febbraio 2001, definendo la causa instaurata da R.S., nella qualità di procuratore speciale dei suoi genitori R.R. e F. F., nei riguardi di Pavimentai spa e Le Assicurazioni Generali spa, nonchè di R.A.S. (ora Allianz) spa, di C.I.C. (ora Impresa L. Sordi) spa, di Assedile s.p.a., di Lafer Chioggia spa (ora Edilcapital srl), di La Fondiaria spa e della ditta A. C., per il risarcimento dei danni causati dal decesso di R.L. (fratello di esso rappresentante e figlio dei rappresentati) a seguito di un infortunio sul lavoro occorso l’ (OMISSIS) in un cantiere edile sito all’aeroporto di (OMISSIS), dichiarava la carenza di legittimazione attiva di parte attrice e compensava le spese, rilevando l’inidoneità della documentazione prodotta a riprova della legittimazione attiva. Interponeva appello, nella medesima qualità, il R., al quale resistevano tutti i convenuti, fra l’altro insistendo (tranne l’ A.) nelle eccezioni preliminari – di giudicato e prescrizione – già sollevate e proponendo – alcuni – appello incidentale avverso la pronuncia sulle spese di primo grado.

La Corte d’appello di Milano rigettava il gravame principale e quello incidentale sulle spese. Riteneva la Corte che, diversamente da quanto osservato dal tribunale, era fondata l’eccezione di giudicato, formatosi sulla sentenza del Pretore di Milano del 24.7.1995 che aveva rigettato, per difetto di prova in ordine alla titolarità del diritto azionato in capo agli attori quali eredi del deceduto, un precedente ricorso proposto dal R., in proprio e quale procuratore speciale dei genitori e dei fratelli, avente i medesimi petitum e causa petendi. Aggiungeva che in ogni caso, ove pure si fosse considerato che l’ A. non aveva proposto l’eccezione di giudicato, l’appello, proposto avverso la statuita inidoneità della documentazione prodotta a sostegno della legittimazione di parte attrice, era comunque privo di fondamento, sotto più profili.

Avverso tale sentenza, depositata il 4 agosto 2005, il R., nella medesima qualità ed in base alla stessa procura conferitagli dai genitori, ha, con atto notificato il 27 ottobre 2006, proposto ricorso a questa Corte affidato a tre motivi. Resistono tutti gli intimati (ad eccezione dell’ A.) con controricorsi (quello de La Fondiaria depositato tardivamente). Il R., la Edilcapital srl e la Allianz spa hanno depositato memorie difensive.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Prima di esaminare il merito dell’impugnazione, occorre verificare, anche alla luce della eccezione sollevata al riguardo in controricorso da Edilcapital srl, la regolare instaurazione del rapporto processuale, tenendo conto in particolare: a) che R. S. ha proposto il ricorso, conferendo a margine procura ai difensori che hanno sottoscritto l’atto, nella dichiarata qualità di “procuratore speciale” di R.R. e F.F.; b) che, nel precisare e documentare – come è suo onere – tale qualità, ha fatto riferimento (cfr. n. 1 dell’elenco documenti allegati) e prodotto un documento definito “procura speciale alle liti” rilasciatagli dai predetti R. e F. il 26 gennaio 1996, procura che lo abilita esclusivamente “a promuovere davanti alle Autorità Giudiziarie competenti la causa relativa ai danni subiti dai sottoscritti”.

E’ chiaro dunque che il ricorrente non è procuratore “ad negotia”, cioè non è munito di poteri rappresentativi in senso sostanziale, bensì solo processuale. Ciò comporta l’inammissibilità del ricorso, alla luce del consolidato orientamento della giurisprudenza di questa Corte – che il collegio condivide – secondo cui la procura speciale richiesta dall’art. 365 c.p.c., per il giudizio di cassazione può essere rilasciata direttamente dalla parte oppure da chi sia da questa investito di un potere rappresentativo di natura sostanziale in ordine al rapporto dedotto in giudizio (cfr. ex multis Cass. Sez. 1^, n. 3658/1985; S.U. n. 8681/1995; Sez. 3^ n. 11765/2002; sez. 2^, n. 16736/2005).

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, che si liquidano per ciascuna delle parti resistenti in Euro 1.500,00 – di cui Euro 1.400,00 per onorari – oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 17 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 6 ottobre 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA