Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20495 del 30/07/2019

Cassazione civile sez. trib., 30/07/2019, (ud. 12/06/2019, dep. 30/07/2019), n.20495

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CRISTIANO Magda – Presidente –

Dott. TRISCARI Giancarlo – Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO M.G. – Consigliere –

Dott. CHIESI Gian Andrea – rel. Consigliere –

Dott. MELE Francesco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2267-2012 proposto da:

MILLERUOTE S.R.L. IN LIQUIDAZIONE, in persona del legale

rappresentante p.t., rapp. e dif., in virtù di procura speciale a

margine del ricorso, dagli Avv.ti IGNAZIO PAGANI ed ENRICO DANTE,

presso lo studio del quale è elett.te dom.ta in ROMA, alla VIA

TACITO, n. 10;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE (C.F. (OMISSIS)), in persona del Direttore

p.t., legale rappresentante, dom.to ope legis in ROMA, alla VIA DEI

PORTOGHESI, n. 12, presso l’Avvocatura Generale dello Stato, che lo

rapp. e dif.;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 132/06/11 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della LOMBARDIA, depositata il 08/07/2011;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

12/06/2019 dal Consigliere Dott. CHIESI GIAN ANDREA.

Fatto

RILEVATO

CHE:

– la CTP di Milano, con separate sentenze, accolse i ricorsi avanzati da Milleruote s.r.l. contro i tre avvisi di accertamento relativi a riprese IVA per gli anni 2003, 2004 e 2005, con i quali l’Agenzia delle Entrate aveva contestato alla società la partecipazione ad una “frode carosello” nella compravendita di autovetture dall’estero, escludendo che la ricorrente fosse consapevole dell’inesistenza soggettiva delle operazioni fatturate a suo carico;

– le decisioni, appellate dall’Agenzia, sono state riformate dalla C.T.R. della Lombardia che, riuniti gli appelli, con sentenza 132/06/11 dell’8.7.2011, ha ritenuto che Milleruote non potesse invocare la propria buona fede e dovesse essere ritenuta responsabile delle violazioni addebitate alle società cartiere, fittizie venditrici, non avendo dimostrato “di essersi comportat(a), nel concreto, con la diligenza qualificata, che deve essere richiesta ad un operatore del settore merceologico cui appartiene”;

– avverso la sentenza Milleruote s.r.l. in liquidazione ha proposto ricorso per cassazione, affidato a tre motivi, cui l’Agenzia delle Entrate ha resistito con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

– con il primo motivo parte ricorrente denuncia (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3) la violazione e falsa applicazione dell’art. 115 c.p.c., comma 1, e dell’art. 2727 c.c., per avere la C.T.R. erroneamente applicato i principi in tema di riparto dell’onere della prova e, per l’effetto, erroneamente ritenuto che spettasse ad essa contribuente dimostrare l’effettività delle operazioni contestate, nonchè la propria buona fede;

– con il secondo ed il terzo motivo la ricorrente si duole (in relazione, rispettivamente, all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 5 e 3,) del vizio di motivazione e della violazione di legge – in specie, del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 36, comma 2, n. 4, – in cui sarebbe incorsa la C.T.R., per aver omesso di motivare circa la sua presunta conoscenza del carattere fraudolento delle operazioni poste in essere dalle società apparenti venditrici e per avere, così, assunto una decisione in contrasto con gli orientamenti della giurisprudenza unionale in tema di deducibilità dell’I.V.A. e di tutela della buona fede del contribuente;

– i motivi – suscettibili di trattazione unitaria, stante l’identità delle questioni agli stessi sottesi – sono, nel loro complesso, fondati;

– rappresenta infatti principio consolidato quello per cui, in tema di IVA, l’Amministrazione finanziaria, se contesta che la fatturazione attenga ad operazioni soggettivamente inesistenti, inserite o meno nell’ambito di una frode carosello, ha l’onere di provare, non solo l’oggettiva fittizietà del fornitore, ma anche la consapevolezza del destinatario che l’operazione si inseriva in una evasione dell’imposta, dimostrando, anche in via presuntiva, in base ad elementi oggettivi e specifici, che il contribuente era a conoscenza, o avrebbe dovuto esserlo, usando l’ordinaria diligenza in ragione della qualità professionale ricoperta, della sostanziale inesistenza del contraente; solo nel caso in cui l’Amministrazione assolva a detto onere istruttorio, grava sul contribuente la prova contraria di avere adoperato, per non essere coinvolto in un’operazione volta ad evadere l’imposta, la diligenza massima esigibile da un operatore accorto, secondo criteri di ragionevolezza e di proporzionalità in rapporto alle circostanze del caso concreto, non assumendo rilievo, a tal fine, nè la regolarità della contabilità e dei pagamenti, nè la mancanza di benefici dalla rivendita delle merci o dei servizi (cfr. Cass., Sez. 5, 20.4.2018, n. 9851, Rv. 647837-01; Cass., Sez. 5, 30.10.2018, n. 27566, Rv. 651269-01);

– nella specie, la C.T.R. ha totalmente omesso di verificare se l’Agenzia avesse assolto al proprio onere probatorio, ovvero se gli avvisi impugnati si fondassero su elementi obbiettivi e specifici, idonei a provare, quantomeno in via presuntiva, in primo luogo che le operazioni di vendita fatturate fossero soggettivamente inesistenti ed, inoltre, che Milleruote fosse colpevole della frode e, dopo aver dato erroneamente per scontata la prima circostanza, ha altrettanto erroneamente ritenuto che spettasse alla società di dimostrare la propria buona fede;

– la decisione impugnata va pertanto cassata, con rinvio della causa alla C.T.R. della Lombardia in diversa composizione, che procederà ad un nuovo esame attenendosi si principi enunciati e liquiderà anche le spese del presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla C.T.R. della Lombardia, in diversa composizione, anche per la spese.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sezione Civile Tributaria, il 12 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 30 luglio 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA