Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20457 del 28/09/2020

Cassazione civile sez. VI, 28/09/2020, (ud. 03/06/2020, dep. 28/09/2020), n.20457

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. COSENTINO Antonello – Presidente –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – rel. Consigliere –

Dott. GIANNACCARI Rossana – Consigliere –

Dott. DONGIACOMO Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 7728-2019 proposto da:

C.M.L., rappresentata e difesa dall’avvocato

Alessandro Antichi con studio in Grosseto, p.zza San Michele 3;

– ricorrente –

contro

SRL DUERRE COSTRUZIONI;

– intimata –

avverso la sentenza n. 1895/2018 della Corte d’appello di Firenze,

depositata il 08/08/2018;

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

11/03/2020 dal Consigliere Dott.ssa Casadonte Annamaria.

 

Fatto

RILEVATO

che:

-il presente giudizio trae origine dalla domanda di condanna della committente al pagamento dei lavori proposta dalla società Duerre Costruzioni s.r.l. nei confronti di C.M.L., la quale costituendosi eccepiva l’inadempimento dell’appaltatore e la legittima risoluzione di diritto del contratto;

-all’esito del giudizio di primo grado veniva accolta la domanda attorea e determinato il corrispettivo ancora dovuto e respinta la domanda di risoluzione del contratto formulata dalla convenuta;

– proposto gravame da parte della convenuta soccombente, la Corte d’appello di Milano l’ha rigettato argomentando che il giudice di prime cure non aveva dichiarato la risoluzione del contratto limitandosi a riconoscere il corrispettivo dovuto dalla committente all’appaltatore per le opere regolarmente eseguite; obbligazione – quest’ultima – sussistente a prescindere dallo scioglimento del contratto;

– rilevava, pertanto, la corte l’incompatibilità logica della contestazione sul mancato vaglio dell’eccezione di inadempimento;

– la cassazione della sentenza d’appello è chiesta dalla C. con ricorso affidato ad un unico motivo, illustrato anche da memoria;

– non ha svolto attività difensiva l’intimata Duerre Costruzioni

s.r.l..

Diritto

CONSIDERATO

che:

– con l’unico motivo si denuncia, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione dell’art. 1662 c.c., comma 2 e dell’art. 1460 c.c., comma 2 nonchè l’omessa pronuncia, ai sensi degli artt. 99 e 112 c.p.c., per non avere la corte territoriale vagliato l’eccezione di inadempimento dell’appaltatore;

-ritiene la Corte che la questione oggetto della censura non sia di evidenza decisoria e, dunque, la causa va rimessa alla pubblica udienza.

P.Q.M.

La Corte rinvia a nuovo ruolo rimettendo la decisione della causa alla pubblica udienza.

Si comunichi.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta sezione civile-2, il 3 giugno 2020.

Depositato in cancelleria il 28 settembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA