Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2045 del 30/01/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 2045 Anno 2014
Presidente: CURZIO PIETRO
Relatore: PAGETTA ANTONELLA

ORDINANZA
sul ricorso 27178-2011 proposto da:
OLIVA NUNZIA LVONNZ57T70G273F, INCANDELA
ANTONELLA NCNNNL66E53L331T, elettivamente domiciliate in
ROMA, VIA PIAVE 52, presso lo studio dell’avvocato CARCIONE
RENATO, rappresentate e difese dall’avvocato SCIORTINO
TERESA, giusta mandato a margine del ricorso;

– ricorrenti contro
ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL’IDENTITA’
SICILIANA DELLA REGIONE SICILIA (già Assessorato Beni
Culturali ed Ambientali della Regione Siciliana) in persona
dell’Assessore pro-tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA
DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE
DELLO STATO, che lo rappresenta e difende, ope legis;

– controdcorrente –

Data pubblicazione: 30/01/2014

avverso la sentenza n. 1764/2010 della CORTE D’APPELLO di
PALERMO del 4.11.2010, depositata il 22/12/2010;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
07/11/2013 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONELLA
PAGETTA.

CORASANITI.
Il Consigliere relatore nominato ai sensi dell’art. 377 cod. proc. civ.
nella relazione depositata ai sensi dell’art. 380 bis cod. proc. civ. e 375
cod. proc. civ., concludeva per il rigetto del ricorso.
Nelle more le ricorrenti Antonella Incendela e Nunzia Oliva hanno
depositato atto di rinunzia al ricorso accettato, per il tramite
dell’Avvocatura generale dello Stato, dal controricorrente Assessorato
dei Beni culturali e dell’Identità siciliana della Regione Sicilia.
Va quindi dichiarata la estinzione del giudizio con compensazione
delle spese
P.Q.M.
La Corte dichiara estinto il giudizio e compensa le spese.

Roma, 7 novembre 2013

Roma, camera di consiglio del 7 novembre 2013

li Funzi

‘ Giudiziario

aolo TARICO

DEPOSITATO IN CANCELL E
6Ett zo
Roma,

ai

k

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. GIUSEPPE

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA