Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20342 del 16/07/2021

Cassazione civile sez. III, 16/07/2021, (ud. 09/02/2021, dep. 16/07/2021), n.20342

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Presidente –

Dott. DI FLORIO Antonella – rel. Consigliere –

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 36914/2019 proposto da:

O.J., rappresentato e difeso dall’avv.to MARIO NOVELLI,

(mario.novelli.pec.ordineavvocatiancona.it) giusta procura speciale

allegata al ricorso, elettivamente domiciliato in Roma, piazza

Cavour, presso la Cancelleria civile della Corte di Cassazione;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del Ministro pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– resistente –

avverso la sentenza n. 558/2019 della CORTE D’APPELLO di ANCONA,

depositata il 18/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

09/02/2021 dal Consigliere Dott. ANTONELLA DI FLORIO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. O.J., proveniente dalla Nigeria (Edo State), ricorre affidandosi a cinque motivi per la cassazione della sentenza della Corte d’Appello di Ancona che aveva confermato la pronuncia con la quale il Tribunale aveva rigettato la domanda di protezione internazionale, declinata in tutte le forme gradate, da lui avanzata in ragione del diniego opposto in sede amministrativa dalla competente Commissione territoriale.

1.1. Per ciò che qui interessa, il ricorrente aveva narrato di essere fuggito in quanto temeva di essere ucciso dai membri della confraternita che lo aveva invitato a sostituire il cugino, deceduto a seguito di contrasto con l’altra appartenente al gruppo rivale, proposta alla quale egli aveva opposto il suo rifiuto.

2. Il Ministero dell’Interno ha depositato “atto di costituzione” non notificato al ricorrente, chiedendo di poter partecipare alla eventuale udienza di discussione della causa ex art. 370 c.p.c., comma 1.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. Con il primo motivo, il ricorrente deduce ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, l’omessa pronuncia sui motivi del ricorso e motivazione apparente, nonché, ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 3, comma 5: lamenta che la Corte d’appello nel respingere il suo ricorso si era limitata ad esporre i principi di diritto che governano la protezione internazionale ma non aveva effettuato alcuna valutazione della sua narrazione ed in nessun punto della motivazione aveva spiegato le ragioni per cui tali giudizi non potevano essere ricondotti alle fattispecie invocate.

1.1. Lamenta inoltre che era stata omessa completamente ogni valutazione della situazione generale del paese di provenienza ed era stato minimizzato il contesto di sicurezza ed instabilità costante con violazione del dovere di cooperazione istruttoria.

1.2. Il motivo è inammissibile in quanto è generico e privo di autosufficienza.

1.3. Non sono stati, infatti, riportati i motivi d’appello proposti al fine di consentire a questo Collegio di apprezzare l’errore denunciato. (cfr. Cass. 20405/2006; Cass. 21621/2007; Cass. 22880/2017; Cass. SU 7074/2017).

2. Con il secondo motivo, solo enunciato in rubrica ma privo di argomentazioni, il ricorrente lamenta la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 3, comma 5.

2.1. La censura è inammissibile perché è totalmente priva della parte argomentativa con evidente difetto si specificità.

3. Con il terzo motivo il ricorrente deduce la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, sulla protezione sussidiaria.

4. Con il quarto motivo lamenta, ancora, ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, comma 3.

5. Il due motivi devono essere congiuntamente esaminati in quanto strettamente connessi: essi sono entrambi fondati per quanto di ragione.

5.1. Il quarto è l’antecedente logico del terzo.

5.2. Si osserva, infatti, che la sentenza della Corte territoriale ha del tutto omesso di acquisire informazioni sul livello di tutela garantita nel paese di origine e sulla situazione di violenza ed insicurezza generalizzata in tutto il paese oltre che sull’esistenza di un conflitto armato, situazioni tutte evidenziate dal ricorrente attraverso il puntuale richiamo a fonti riconducibili al D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, comma 3 (cfr. pag. 6, 7, 8, del ricorso) al fine di dimostrare la preoccupante situazione di instabilità politica: a fronte di ciò la Corte ha opposto alla domanda un diniego della fattispecie invocata privo di qualsiasi adempimento del dovere di cooperazione istruttoria (cfr. pag. 6 della sentenza penultimo cpv.)

5.3. Ciò ridonda sulla fattispecie di cui al D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. C), riguardante la protezione sussidiaria per la quale, essendo centrale il riferimento all’esistenza di un conflitto armato nell’accezione espressa dalla giurisprudenza unionale, non è rilevante la credibilità del racconto che, nel caso di specie, pur negata dalla Corte, non è stata oggetto di specifica censura: deve invece escludersi che la doglianza possa avere rilievo in relazione alle altre forme di protezione sussidiaria per le quali, essendo preliminare la valutazione di attendibilità del racconto (definitivamente esclusa), la censura i esame non assume valore decisivo.

5.4. Al riguardo, questa Corte ha avuto modo di affermare che “lo straniero che chieda il riconoscimento della protezione sussidiaria ai sensi del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c), non ha l’onere di presentare, tra gli elementi e i documenti necessari a motivare la domanda (art. 3, comma 1, D.Lgs. cit.), quelli che si riferiscono alla sua storia personale, salvo quanto sia indispensabile per verificare il Paese o la regione di provenienza, perché, a differenza delle altre forme di protezione, in quest’ipotesi non rileva alcuna personalizzazione del rischio, sicché, una volta che il richiedente abbia offerto gli elementi utili alla decisione, relativi alla situazione nello Stato o nella regione di origine, il giudice deve accertare anche d’ufficio se effettivamente in quel territorio la violenza indiscriminata in presenza di conflitto armato sia di intensità tale da far rischiare a chiunque vi si trovi di subire una minaccia grave alla vita o alla persona, senza che alcuna valutazione di non credibilità, che non riguardi l’indicazione dello Stato o regione di provenienza, possa essere di ostacolo a tale accertamento. (cfr. Cass. 13940/2020).

5.5. Il requisito dell’individualità della minaccia grave alla vita o alla persona di cui al D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c), non è subordinato, in conformità alle indicazioni della CGUE (sentenza 17 febbraio 2009, in C-465/07), vincolante per il giudice di merito, alla condizione che il richiedente “fornisca la prova che egli è interessato in modo specifico a motivo di elementi peculiari della sua situazione personale”, in quanto la sua esistenza può desumersi anche dal grado di violenza indiscriminata che caratterizza il conflitto armato in corso, da cui dedurre che il rientro nel Paese d’origine determinerebbe un rischio concreto per la vita del richiedente. (Sez. 6-1, n. 16202/2015, Rv. 636614-01; Sez. 1, n. 14350/2020, Rv. 658256-01, in motivazione; Sez. 1, n. 14283/2019, Rv. 654168-01).

5.6. Ne consegue che l’onere di allegazione del richiedente la Protezione sussidiaria di cui al D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c), diversamente dalle ipotesi di protezione sussidiaria cd. individualizzanti, previste dall’art. 14, lett. a) e lett. b) del detto Decreto è limitato alla deduzione di una situazione oggettiva di generale violenza indiscriminata – dettata da un conflitto esterno o da instabilità per il solo fatto di rientrare nel paese di origine, disancorato dalla rappresentazione della propria vicenda individuale di esposizione al rischio persecutorio, sicché, ove correttamente allegata tale situazione, il giudice, in attuazione del proprio dovere di cooperazione istruttoria, è tenuto ad accertarne l’attualità con riferimento alla situazione oggettiva del paese di origine e, in particolare, dell’area di provenienza del richiedente, attraverso lo specifico richiamo a fonti informative aggiornate alla data della decisione contemplate dal D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8, comma 3.

5.7. Nel caso in esame, la sentenza è del tutto priva del richiamo alle fonti informative dalle quali è stata tratta la convinzione che la Nigeria fosse immune da una condizione di conflitto armato nell’accezione coniata dalla giurisprudenza unionale: per tale ragione deve essere cassata.

6. Con il quinto motivo, il ricorrente lamenta la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 32, comma 3 e D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 5, comma 6.

6.1. La doglianza è assorbita dall’accoglimento della quarta censura che ridonda sulla fattispecie in esame per le stesse ragioni prospettate in relazione al precedente motivo, dovendosi precisare, al riguardo, che anche in relazione alla protezione umanitaria non è stata richiamata dalla Corte territoriale alcuna fonte informativa aggiornata idonea a accertare le condizioni di tutela dei diritti umani nel paese di origine (indispensabile per il giudizio di comparazione postulato dalla consolidata giurisprudenza di questa Corte: cfr. Cass. 4455/2018; Cass. SU 29459/2019).

7. In conclusione, il ricorso deve essere accolto in relazione al terzo e quarto motivo, con assorbimento del quinto e dichiarazione di inammissibilità del primo e secondo.

8. La sentenza deve essere cassata con rinvio alla Corte d’Appello di Ancona per il riesame della controversia alla luce del principio di diritto sopra evidenziato e per la decisione in ordine alle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte;

accoglie il terzo e quarto motivo di ricorso; dichiara inammissibili il primo ed il secondo ed assorbito il quinto.

Cassa la sentenza impugnata in relazione ai motivi accolti e rinvia alla Corte d’Appello di Ancona in diversa composizione per il riesame della controversia ed anche per la decisione in ordine alle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile della Corte di Cassazione, il 9 febbraio 2021.

Depositato in Cancelleria il 16 luglio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA