Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2033 del 29/01/2020

Cassazione civile sez. VI, 29/01/2020, (ud. 23/10/2019, dep. 29/01/2020), n.2033

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 27016-2018 proposto da:

V.F., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA MARIANNA

DIONIGI 29, presso lo studio dell’avvocato ERNESTO ALIBERTI,

rappresentato e difeso dall’avvocato DARVIN SILVESTRI;

– ricorrente –

contro

REKEEP SPA (già MANUTENCOOP FACILITY MANAGEMENT SPA), in persona del

Presidente pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

PARAGUAY 5, presso lo studio dell’avvocato GIOVANNA CARAMIA, che la

rappresenta e difende unitamente agli avvocati GERMANDO DONDI,

ANDREA RONDO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1491/2017 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 19/03/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 23/10/2019 dal Consigliere Relatore Dott. MARCHESE

GABRIELLA.

Fatto

RILEVATO

CHE:

la Corte di appello di Bologna, con sentenza n. 1491 del 2017, ha rigettato il gravame di V.F. avverso la decisione di primo grado che, in accoglimento dell’opposizione a decreto ingiuntivo proposta dalla società MANUTENCOOP FACILITY MANAGEMENT SPA, aveva respinto la domanda del lavoratore volta ad accertare la natura non occasionale della diaria di trasferimento di cui all’art. 29 del CCNL Multiservizi e, per l’effetto, ad ottenere differenze di retribuzione;

la Corte di appello, esaminata la ratio e la lettera della disposizione contrattuale, ha concluso per la natura occasionale dell’indennità, quale “erogazione una tantum”, avente funzione risarcitoria o compensativa dei disagi connessi al trasferimento del lavoratore; ha, dunque, escluso il carattere fisso e mensile dell’emolumento;

avverso il provvedimento propone ricorso per cassazione V.F., fondato su un unico ed articolato motivo;

MANUTENCOOP FACILITY MANAGEMENT SPA (ora Rekeep S.p.A.) ha resistito con controricorso, illustrato con memoria;

la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., è stata notificata alla parte costituita, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

con l’unico motivo di ricorso, il ricorrente deduce – ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3 – violazione e falsa applicazione dell’art. 29 del CCNL Personale dipendente da Imprese Esercenti Servizi di pulizia e Servizi Integrati/ Multiservizi. E’ censurata l’accertamento, quale erogazione occasionale, dell’indennità disciplinata dall’art. 29 del CCNL Multiservizi del 30.6.2011;

le censure si fondano su un’errata ricostruzione della normativa collettiva; tuttavia il ricorrente non ha provveduto a depositare in allegato al ricorso la disciplina collettiva che pretende essere stata erroneamente applicata dalla Corte territoriale così incorrendo nella violazione dell’art. 369 c.p.c., n. 4, che impone a pena di improcedibilità che al ricorso siano allegati “gli atti processuali, i documenti, i contratti o accordi collettivi sui quali il ricorso si fonda”. Nel giudizio di cassazione, l’onere di depositare i contratti e gli accordi collettivi – imposto, a pena di improcedibilità del ricorso, dall’art. 369 c.p.c., comma 2, n. 4, nella formulazione di cui al D.Lgs. 2 febbraio 2006, n. 40 – può dirsi soddisfatto solo con la produzione del testo integrale del contratto collettivo, adempimento rispondente alla funzione nomofilattica della Corte di cassazione. A tal fine non può considerarsi sufficiente il mero richiamo, in calce al ricorso, all’intero fascicolo di parte del giudizio di merito, ove manchi, come nella specie, una puntuale indicazione del documento nell’elenco degli atti (cfr. Cass. n. 4350 del 2015, ord., sez. un., n. 25038 del 2013, Cass., sez. un., n. 22726 del 2011);

in base alle argomentazioni sopra esposte, il ricorso deve, dunque, essere dichiarato improcedibile;

le spese del giudizio seguono la soccombenza e sono liquidate nella misura indicata in dispositivo.

PQM

La Corte dichiara improcedibile il ricorso.

Condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che si liquidano in Euro 2.000,00 per compensi professionali, Euro 200,00 per esborsi, oltre spese forfetarie nella misura del 15% ed accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 23 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 29 gennaio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA