Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20319 del 23/08/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 23/08/2017, (ud. 03/05/2017, dep.23/08/2017),  n. 20319

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHIRO’ Stefano – Presidente –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 17042/2016 proposto da:

RO.DO.PA. S.R.L. – P.I. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

XX SETTEMBRE 98/E, presso lo studio dell’avvocato GUIDO LENZA,

rappresentata e difesa dall’avvocato MARCELLO FORTUNATO;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI BATTIPAGLIA;

– intimato –

avverso la sentenza n. 4299/9/16 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE DI NAPOLI – SEZIONE DISTACCATA DI SALERNO, depositata il

10/05/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 03/05/2017 dal Consigliere Dott. LUCA SOLAINI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La controversia concerne l’impugnazione di un avviso d’accertamento in rettifica, con il quale il comune di Battipaglia, con riferimento all’anno d’imposta 2013, contestava l’omessa denuncia ed il pagamento parziale e tardivo della seconda rata IMU. La società contribuente contestava l’atto impositivo, in quanto inidoneo a giustificare il preteso credito tributario, con particolare riferimento al fatto che gli immobili in corso di costruzione potessero essere assoggettati al tributo in carenza di almeno uno dei due presupposti e cioè, l’ultimazione degli stessi ovvero la loro utilizzabilità.

La CTP rigettava il ricorso della società contribuente e la CTR ne confermava la decisione.

Propone ricorso la società contribuente sulla base di due motivi, mentre il comune non ha spiegato difese scritte.

Con il primo e il secondo motivo di ricorso, che possono essere esaminati congiuntamente in quanto strettamente connessi, la società ricorrente denuncia da una parte, la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 504 del 1992, art. 2,D.L. n. 201 del 2011, art. 13, convertito nella L. n. 214 del 2011 e della risoluzione n. 8 del 22..2013 del Dip. Finanze del Min. dell’economia, dall’altra, omesso esame circa un fatto decisivo del giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti, sul medesimo profilo di censura, in quanto, in buona sostanza, ad avviso della società contribuente, l’accatastamento costituirebbe una presunzione relativa e non assoluta di ultimazione e utilizzo dell’immobile, suscettibile di essere superata dalla prova contraria, a carico della parte contribuente, in ordine alla reale e diversa situazione di fatto.

Il Collegio ha deliberato di adottare la presente decisione in forma semplificata.

L’articolato motivo di censura è manifestamente infondato, ex art. 360 bis c.p.c..

Infatti, in tema di ICI – ma le stesse considerazioni valgono pure per l’IMU, in virtù dello specifico rinvio effettuato del D.L. n. 201 del 2011, art. 13, comma 2, ai criteri di determinazione della base imponibile ICI -, ai fini dell’assoggettabilità ad imposta dei fabbricati di nuova costruzione, il criterio alternativo, previsto dal D.Lgs. n. 504 del 1992, art. 2, della data di ultimazione dei lavori, ovvero di quella anteriore di utilizzazione, acquista rilievo solo quando il fabbricato non sia iscritto ancora in catasto, realizzando tale iscrizione, di per sè, il presupposto principale, per assoggettare il bene all’imposta (Cass. n. 15177/10, 8781/15).

Il contribuente, in sede di impugnazione dell’avviso di accertamento emesso dal Comune relativo all’imposta comunale sugli immobili, non può proporre doglianze relative alla determinazione della rendita, che avrebbero dovuto essere proposte in diversa causa (pregiudiziale rispetto a quella relativa alla liquidazione dell’ICI) e con diverso legittimato passivo (Agenzia del Territorio), v. Cass. n. 16215/10.

Infine, il secondo motivo è, altresì, inammissibile, per i limiti d’impugnazione della “doppia conforme” (Cass. n. 5528/14).

La mancata predisposizione di difese scritte da parte del Comune impositore, esonera il Collegio dal provvedere sulle spese.

Va dato atto della sussistenza dei presupposti, per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

PQM

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Rigetta il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 3 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 23 agosto 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA