Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20312 del 04/10/2011

Cassazione civile sez. II, 04/10/2011, (ud. 06/07/2011, dep. 04/10/2011), n.20312

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHETTINO Olindo – Presidente –

Dott. NUZZO Laurenza – Consigliere –

Dott. BIANCHINI Bruno – Consigliere –

Dott. MANNA Felice – rel. Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 27233-2008 proposto da:

D.C.L. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA SUSA 1, presso lo studio dell’avvocato DI DOMENICA IDA,

rappresentata e difesa dall’avvocato PILOLLI UMBERTO;

– ricorrente –

contro

A.V. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA PAOLO EMILIO 34, presso lo studio dell’avvocato D’ANGELO

QUIRINO, rappresentato e difeso dall’avvocato PAOLUCCI PEPE CARMELO;

I.M. (OMISSIS), B.D.,

elettivamente domiciliati in ROMA, CORSO VITTORIO EMANUELE II, 284,

presso lo studio dell’avvocato D’AMARIO LUCIO, rappresentati e difesi

dall’avvocato CORA MAURIZIO;

CONDOMINIO VIA (OMISSIS) (OMISSIS), in persona

dell’Amministratore pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA TRIONFALE, 5637, presso lo studio dell’avvocato D’AMARIO

FERDINANDO, che lo rappresenta e difende;

J.D., L.F., elettivamente domiciliati in ROMA,

PIAZZA SAN SALVATORE IN LAURO,10, presso lo studio dell’avvocato

PRESUTTI AVILIO, rappresentati e difesi dall’avvocato DE NARDIS

PIERLUIGI;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 732/2007 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 08/10/2007;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

06/07/2011 dal Consigliere Dott. FELICE MANNA;

udito l’Avvocato PILOLLI Umberto, difensore della ricorrente che si

riporta agli atti;

uditi gli Avvocati DI PAOLO Massimo, con delega depositata in udienza

dell’Avvocato DE NARDIS Pierluigi, PAOLUCCI PEPE Carmelo, difensori

dei rispettivi resistenti che si riportano agli atti;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Libertino Alberto che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

Premesso che l’intimato condominio di via (OMISSIS), ha proposto controricorso e che l’amministratore non risulta essere stato previamente autorizzato dall’assemblea;

ritenuto che l’amministratore di condominio può (come proporre ricorso, così) presentare controricorso per cassazione anche senza la preventiva autorizzazione dell’assemblea, ma in tal caso deve poi ottenere la necessaria ratifica del suo operato da parte dell’assemblea stessa, per evitare la pronuncia di inammissibilità dell’atto di costituzione (v. Cass. S.U. n. 18331/10 e successive conformi);

che tale difetto di autorizzazione è rilevabile d’ufficio da parte del giudice, il quale deve assegnare alla parte un termine ex art. 182 c.p.c. per sanarlo (Cass. cit.);

che, pertanto, nel caso di specie deve essere concesso al ridetto condominio un termine ai sensi della norma precitata, con rinvio a nuovo ruolo della causa.

P.Q.M.

La Corte assegna al condominio di via (OMISSIS) il termine di gg. 90 dalla comunicazione della presente ordinanza per depositare agli atti l’autorizzazione dell’assemblea alla presentazione del controricorso, e rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 6 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 4 ottobre 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA