Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2030 del 29/01/2020

Cassazione civile sez. VI, 29/01/2020, (ud. 22/10/2019, dep. 29/01/2020), n.2030

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE ERRORE MATERIALE

sul ricorso 17014-2019 proposto da:

L.O., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA ETTORE PAIS 18,

presso lo studio dell’avvocato LUCIA DI COSIMO, rappresentato e

difeso dall’avvocato ANTONIO RUMASUGLIA;

– ricorrente –

e contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA, 29, presso l’AVVOCATURA CENTRALE

DELL’ISTITUTO, rappresentato e difeso dagli avvocati MAURO

SFERRAZZA, ANTONIETTA CORETTI, VINCENZO TRIOLO, VINCENZO STUMPO;

– resistente –

avverso l’ordinanza della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di ROMA,

depositata il 19/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 22/10/2019 dal Consigliere Relatore Dott. MARCHESE

GABRIELLA.

Fatto

RILEVATO

CHE:

L.O. ha proposto ricorso per la correzione di errore materiale dell’ordinanza n. 11127, depositata il 19.4.2019, deducendo che questa Corte, pur accogliendo il ricorso proposto nei confronti dell’INPS, lo ha, poi, erroneamente, condannato al pagamento delle spese del giudizio di legittimità;

l’INPS non ha svolto attività difensiva in questa sede;

la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., è stata notificata alla parte costituita, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

va disposta la correzione del segnalato errore materiale;

l’accoglimento del ricorso, con esplicita statuizione di regolamentazione delle spese secondo il principio di soccombenza e previsione di distrazione delle stesse in favore del difensore del ricorrente, rende evidente l’errore materiale contenuto nella parte dispositiva dell’ordinanza, laddove la condanna al pagamento delle spese del giudizio di legittimità è posta a carico della parte ricorrente (vittoriosa) piuttosto che dell’INPS, parte controricorrente e soccombente;

non vi è luogo a provvedere sulle spese del presente procedimento (Cass., sez. un., ord., 27/06/2002, n. 9438; Cass., ord., 4/05/2009, n. 10203; Cass., ord., 17/09/2013, n. 21213).

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso e, per l’effetto, dispone che, nella parte dispositiva dell’ordinanza di questa Corte n. 11127 del 2019, laddove è detto “condanna parte ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità” si legga “condanna parte controricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità”.

Dispone la trasmissione alla cancelleria per le annotazioni della correzione sull’originale del provvedimento.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 22 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 29 gennaio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA