Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20296 del 31/07/2018





Civile Ord. Sez. 5 Num. 20296 Anno 2018
Presidente: CAMPANILE PIETRO
Relatore: GIUDICEPIETRO ANDREINA

ORDINANZA
sul ricorso iscritto al n.27328/2012 R.G. proposto da
Lauro Gennaro, rappresentato e difeso dagli avv.ti Oreste e Guglielmo
Cantillo, presso cui è elettivamente domiciliato in Roma al Lungotevere dell
Mellini n.19;

– ricorrente contro
Agenzia delle Entrate, in persona del direttore pro tempore, rappresentata ,
ai soli fini dell’eventuale partecipazione all’udienza, dall’Avvocatura Generale
dello Stato, con domicilio legale in Roma, alla via dei Portoghesi, n. 12,
presso l’Avvocatura Generale dello Stato;

intimataavverso la sentenza n.418/12/11 della Commissione Tributaria Regionale
della Campania, depositata il 24/10/2011 e non notificata.
Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 14 giugno 2018 dal
Consigliere dott.ssa Andreina GiudicepietrQ;

1

Data pubblicazione: 31/07/2018

RILEVATO CHE:
1. Lauro Gennaro ricorre con tre motivi contro l’Agenzia delle Entrate
per la cassazione della sentenza n.418/12/11 della Commissione Tributaria
Regionale della Campania, depositata il 24/10/2011 e non notificata, che ha
rigettato l’appello del contribuente, in controversia concernente

relative all’anno d’imposta 2005;
3. il ricorso è stato fissato per la camera di consiglio del 14 giugno
2018, ai sensi degli artt. 375, ultimo comma, e 380 bis 1, cod. proc. civ., il
primo come modificato ed il secondo introdotto dal d.l. 31.08.2016, n.168,
conv. in legge 25 ottobre 2016, n.197;
4. a seguito del ricorso, l’Agenzia delle Entrate si è costituita solo ai fini
dell’eventuale partecipazione all’udienza di discussione;
5. il ricorrente ha depositato memorie;

CONSIDERATO CHE:
1.1. il ricorrente, con memoria dell’8/5/2018, facendo presente di avere
presentato il 20/4/2017 dichiarazione di adesione alla definizione agevolata,

ex art. 6 del d.l. n. 193/16, convertito dalla legge n. 225/16, con ciò
dichiarando di voler rinunciare al giudizio pendente, seguita dal pagamento
dell’intero importo determinato dall’Equitalia S.p.A. con il versamento delle
rate entro i termini di scadenza, ha chiesto alla Corte di “disporre
l’estinzione del giudizio con compensazione delle spese di lite”;
1.2. anche in assenza di documentazione attestante l’avvenuta formale
rinuncia al ricorso è possibile evincere che sia venuto meno l’interesse a
coltivare il ricorso da parte del ricorrente;
va, quindi, dichiarata l’inammissibilità del ricorso per sopravvenuta
carenza di interesse del ricorrente;
1.3. nulla deve disporsi in ordine alle spese, che rimangono a carico del
ricorrente, non avendo svolto alcuna attività difensiva l’Agenzia delle
Entrate;

P.Q.M.

2

l’impugnativa dell’avviso di accertamento per IRPEF, IRAP ed ADD. Reg.

dichiara inammissibile il ricorso per sopravvenuta carenza di interesse.

Così deciso in Roma, il giorno 14 giugno 2018.

Scarica il pdf originale della sentenza:

DOWNLOAD

LEGGI ANCHE

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA


Rob Kelley Womens Jersey