Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20291 del 04/10/2011

Cassazione civile sez. III, 04/10/2011, (ud. 05/07/2011, dep. 04/10/2011), n.20291

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETTI Giovanni Battista – Presidente –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. ARMANO Uliana – Consigliere –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

Dott. LANZILLO Raffaella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 9077/2009 proposto da:

MILANO ASSICURAZIONI S.P.A. (OMISSIS) in persona del dirigente

procuratore Dr. F.M., elettivamente domiciliata in ROMA,

VIA POMPEO MAGNO 7, presso lo studio dell’avvocato ERRICO Edoardo,

che la rappresenta e difende giusto mandato in atti;

– ricorrente –

contro

ELIOS S.R.L. in persona dell’amministratore unico e legale

rappresentante pro tempore, Sig. P.M., elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA SIRTE 28, presso lo studio dell’avvocato DEL

GUERCIO MARIA ADELAIDE, rappresentata e difesa dall’avvocato BELFIORE

Corrado giusto mandato in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1278/2008 della CORTE D’APPELLO di CATANIA,

depositata il 28/10/2008, R.G.N. 938/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

05/07/2011 dal Consigliere Dott. RAFFAELLA LANZILLO;

udito l’Avvocato GIOVANNI DE LUCA per delega;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PRATIS Pierfelice, che ha concluso per il rigetto.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione del 7 luglio 1998 la s.r.l. Elios ha proposto al Tribunale di Catania domanda di accertamento di nulla dovere alla s.p.a. Sasa Assicurazioni per appendici di regolazione dei premi di alcune polizze stipulate a garanzia di aeromobili di sua proprietà, avendo ricevuto richieste di pagamento a questo titolo per la somma di L. 210.360.283.

La società ha resistito alla domanda, proponendo domanda riconvenzionale per il pagamento dei premi di cui alle Appendici di polizza, sull’assunto che la copertura dei rischi di volo era compresa nel contratto sottoscritto da Elios e che le Appendici rappresentavano solo la traduzione in termini monetar dei premi relativi ai suddetti rischi, che venivano calcolati di volta in volta, a seguito della comunicazione da parte dell’assicurato delle ore di volo effettuate.

Il Tribunale ha accolto la domanda di accertamento negativo proposta da Elios, rigettando la domanda riconvenzionale.

Proposto appello da Milano Assicurazioni, che ha incorporato l’originaria convenuta, con sentenza n. 1278/2008, notificata il 3.2.2009, la Corte di appello di Catania ha confermato la sentenza di primo grado, con la motivazione che le Appendici di polizza non risultavano incluse in alcuno dei fascicoli di parte, sicchè l’appellante non aveva fornito la prova del suo diritto.

Con atto notificato il 3 aprile 2009 Milano Assicurazioni propone un motivo di ricorso per cassazione.

Resiste l’intimata con controricorso.

Il Collegio invita l’estensore alla motivazione semplificata.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. – Con l’unico motivo, denunciando violazione degli artt. 115, 116, 165, 166 e 169 cod. proc. civ., artt. 74 e 77 disp. att. cod. proc. civ., nonchè omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione, il ricorrente assume che la Corte di appello – avendo accertato la mancanza di documenti rilevanti ai fini della decisione (appendici di polizza), che risultano ritualmente prodotti nel giudizio di primo grado – avrebbe dovuto disporne la ricerca e se del caso far procedere alla ricostruzione del fascicolo, previa rimessione della causa sul ruolo.

2.- Il ricorso è inammissibile per difetto di autosufficienza ed ai sensi dell’art. 366 cod. proc. civ., n. 6.

Se è pur vero che il giudice che accerti la mancanza di atti o documenti da un fascicolo di parte è tenuto a disporne la ricerca o la ricostruzione, qualora risulti che i documenti sono stati ritualmente prodotti e che la mancanza è dipesa da smarrimento o sottrazione, e che, qualora ometta di provvedere in tal senso, è prospettabile vizio di motivazione, resta il fatto che la parte che impugni la sentenza in sede di legittimità prospettando un tale vizio, ha l’onere di richiamare nel ricorso il contenuto dei documenti dispersi e di dimostrarne la rilevanza al fine di pervenire ad una decisione diversa da quella adottata dalla sentenza impugnata (Cass. civ. Sez. 3, 16 luglio 1997 n. 6521; Idem, 3 luglio 2008 n. 18237, fra le tante).

Nella specie, il ricorrente avrebbe dovuto indicare nel ricorso quale fosse il contenuto delle Appendici; se esse siano state sottoscritte ed accettate dall’assicurato o se siano state quanto meno richiamate nella polizza principale, con modalità tali da dimostrare che l’assicurato le aveva accettate Nulla di ciò risulta dal ricorso.

Va soggiunto che la ricorrente neppure ha specificato se la suddetta documentazione sia stata prodotta unitamente al ricorso, come sia contrassegnata e come sia reperibile fra gli atti di causa, come disposto dall’art. 366 cod. proc. civ., n. 6, a pena di inammissibilità, con riguardo ai documenti sui quali il ricorso si fonda (Cass. civ. Sez. 3, 17 luglio 2008 n. 19766; Cass. civ. S.U. 2 dicembre 2008 n. 28547).

3.- Il ricorso deve essere dichiarato inammissibile.

4.- Le spese del presente giudizio, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte di cassazione dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate complessivamente in Euro 3,500,00, di cui Euro 200,00 per esborsi ed Euro 3.300,00 per onorari; oltre al rimborso delle spese generali ed agli accessori previdenziali e fiscali di legge.

Così deciso in Roma, il 5 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 4 ottobre 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA